Archiviato in | Spettacolo, Teatro

SOGNO DI UNA NOTTE A BICOCCA IN SCENA AL CENTRO ZO

SOGNO DI UNA NOTTE A BICOCCA IN SCENA AL CENTRO ZO

Lo spettacolo teatrale andrà in scena venerdì 5 gennaio alle h. 21 al Centro Zo di Catania e vedrà come protagonisti la stessa regista Francesca Ferro con Ileana Rigano, Agostino Zumbo, Mario Opinato, Silvio Laviano, Renny Zapato, Giovanni Arezzo, Francesco Maria Attardi, Giovanni Maugeri, Vincenzo Ricca, Antonio Marino, Dany Break.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SOGNO DI UNA NOTTE A BICOCCA IN SCENA AL CENTRO ZO –

Il Teatro Mobile di Catania inaugura il 2018 con la messa in scena di Sogno di una notte a Bicocca, firmato e diretto da Francesca Ferro, la quale è riuscita a far sì che il teatro assolvesse l’originaria funzione morale  che provoca la catarsi, reinterpretando la celebre opera di W. Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate.

Lo spettacolo teatrale andrà in scena venerdì 5 gennaio alle h. 21 al Centro Zo e vedrà come protagonisti la stessa regista Francesca Ferro con Ileana Rigano, Agostino Zumbo, Mario Opinato, Silvio Laviano, Renny Zapato, Giovanni Arezzo, Francesco Maria Attardi, Giovanni Maugeri, Vincenzo Ricca, Antonio Marino, Dany Break, i quali, grazie all’aiuto regia Mariachiara Pappalardo, alla direzione allestimento di Arsinoe Delacroix e all’assistenza alla regia di Verdiana Barbagallo, interpretano un gruppo di detenuti che vivono lontano dal mondo esterno e dagli affetti, come spiega Francesca Ferro in un’intervista.

“Il carcere – chiarisce Francesca Ferro– sembra il posto meno adatto a sognare: la detenzione costringe a vivere lontano dal mondo esterno e dagli affetti, aliena l’essere umano privandolo del tempo e dello spazio così come lo conosciamo noi. Nasce l’esigenza di uscire, di superare le mura e pensarsi in un altro luogo, protagonisti di una storia che non è propria. Magari dentro un bosco in una notte d’estate […] L’esperienza a Bicocca è stata forte e intensa. Lo spettacolo vuole essere il più possibile onesto e coerente con quello che erano i detenuti che ho conosciuto. Abbiamo voluto togliere il giudizio nei loro confronti, cercando di far venire fuori l’individuo prima del reo, l’umanità prima della colpa”.

Eleonora Bellina

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook