Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SENZA TETTO, CONTINUA LA PROTESTA AL DUOMO

SENZA TETTO, CONTINUA LA PROTESTA AL DUOMO

L'intervento della Comunità di Sant'Egidio, Abramo: «Non voltare le spalle. O si fanno politiche per i bisognosi, che siano migranti o no, oppure nulla».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SENZA TETTO, CONTINUA LA PROTESTA AL DUOMO –

Protesta in Cattedrale dei cittadini catanesi che non hanno alloggi. Continuano i disagi ormai da cinque giorni, con le famiglie che cercano di attirare l’attenzione delle istituzioni protestando sul sagrato del Duomo anche in questi giorni di gran freddo. Le persone che ormai reclamano da diversi giorni si sono rivolte anche all’help center della Caritas che attraverso una nota, hanno spiegato come il sistema di sostegno ai bisognosi della città sia aperto a tutti, ma che passa attraverso determinate regole.

Ieri mattina una pattuglia della Polizia ha offerto a tutti caffè e colazione e le famiglie presenti sul sagrato della Cattedrale ringraziano: «Sono stati loro che hanno portato il buongiorno, gentilissimi e pieni di comprensione, nessuno e ripetiamo nessuno, si è fatto avanti a parte qualche privato cittadino e i ragazzi del comitato La Piazzetta che hanno trascorso la notte con noi. E la Caritas, ribadiamo, assente: pensavamo fosse un servizio diverso – ribadiscono. Va bene, ci siamo sbagliati e chiediamo perdono. Pensavamo potessero dare un aiuto concreto e invece nulla, dobbiamo andare alla mensa. Ok, hanno ragione loro, scusateci».

Comunque sulle dichiarazioni che hanno fatto alberga una vena di polemica. Intanto, ieri sono arrivate coperte e latte dalla comunità di Sant’Egidio, proseguono nel loro dire i manifestanti: «Ma purtroppo una delle nostre bimbe è stata portata al pronto soccorso per un principio di broncopolmonite. E pensare che sarebbe bastato aprire le porte della chiesa per evitarlo». Certo che gli occupanti del Sagrato della Cattedrale sono sull’orlo della disperazione e continuano: «Ieri è passato anche il Prefetto ma ‘niente da dichiarare’ queste le sue parole».

Intanto, Emiliano Abramo presidente della Comunità di Sant’Egidio a Catania dice: «Oggi noi non parteciperemo alla passerella “tra solidarietà e stato di diritto” che si terrà in Municipio alla presenza del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi – nessuna mediazione, o si fanno politiche per i bisognosi, che siano migranti o no, oppure nulla. Non si possono girare gli occhi e lo sguardo da un’altra parte quando i nostri cittadini chiedono aiuto. Resto perplesso sulla chiusura della chiesa etnea e comunque noi ci siamo per tutti; abbiamo portato coperte e latte, abbiamo offerto la nostra casa, il Monastero di Santa Chiara, ai loro bisogni primari e domani saremo qui con loro. La chiesa dev’essere un interlocutore serio e ribadisco non parteciperemo mai a nessun “appalto” che non metta al centro l’uomo e i suoi bisogni – continua Abramo – non partecipiamo al bando del Cara di Mineo ne ad altri, non parteciperemo domani al convegno sulla solidarietà e l’accoglienza. Le parole di Papa Francesco sono “aprite le porte e basta”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook