Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CORTE DEI CONTI: NOMINA MONTEROSSO ILLEGITTIMA «DANNO DA UN MILIONE»

CORTE DEI CONTI: NOMINA MONTEROSSO ILLEGITTIMA «DANNO DA UN MILIONE»

La vicenda è avvenuta nel 2012 quando il presidente pro-tempore Raffaele Lombardo promosse la Monteresso a segretario generale. Nella vicenda coinvolti anche l’ex governatore Crocetta e altri 18 ex assessori.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CORTE DEI CONTI: NOMINA MONTEROSSO ILLEGITTIMA «DANNO DA UN MILIONE» –

Il procuratore della Corte dei Conti in Sicilia, Gianluca Albo, ha firmato un invito a dedurre stimando un danno da quasi un milione di euro per la nomina di Patrizia Monterosso a segretario generale della Regione. Il sindacato dei dirigenti della Regione (Dirsi), in quel periodo aveva presentato un esposto.

Nel 2012, quando il presidente pro-tempore Raffaele Lombardo portò in giunta la promozione di Patrizia Monterosso a segretario generale, il sindacato (Dirsi) sollevò il caso della “mancata verifica” dei curriculum tra gli interni. In seguito la Monterosso era stata poi confermata anche dalla giunta Crocetta nel 2013 e ancora nel 2016. Il procuratore Albo le definisce «delibere illegittime».

In riferimento alla mancata verifica interna, prevista dalla legge Brunetta «che va rispettata anche in Sicilia», vi sono: l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo (danno da 52 mila euro), l’ex presidente della Regione Rosario Crocetta (danno da 394 mila euro), gli ex assessori Alessandro Aricò, Marco Venturi, Accursio Gallo della giunta Lombardo (per tutti il danno è quantificato in 8 mila euro ciascuno) e ancora gli assessori delle giunte Crocetta: Ester Bonafede, Lucia Borsellino, Nicolò Marino, Patrizia Valenti e Nino Bartolotta (per tutti danno ammonta a 41mila euro ciascuno). Per quanto riguarda gli ultimi assessori, Vania Contrafatto, Giovanni Pistorio, Baldo Gucciardi e Luisa Lantieri il danno è stato stimato in 17mila euro. Quindi anche la vicepresidente Mariella Lo Bello si è vista notificare un invito a dedurre per un danno da 58 mila euro.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook