Archiviato in | Politica, Politica Regionale

VOTO EX PROVINCE, REGIONE RICORRE ALLA CORTE COSTITUZIONALE

VOTO EX PROVINCE, REGIONE RICORRE ALLA CORTE COSTITUZIONALE

Esecutivo regionale già al lavoro. Gli assessori hanno deciso di autorizzare il presidente a presentare ricorso innanzi la Corte Costituzionale a seguito dell’impugnazione della legge che ha reintrodotto la elezione diretta dei vertici delle ex Province.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VOTO EX PROVINCE, REGIONE RICORRE ALLA CORTE COSTITUZIONALE –

La giunta regionale presieduta da Musumeci, appena insediata nella Sala Alessi di Palazzo d’Orleans a Palermo ha approvato un primo disegno di legge e ha promosso il primo contenzioso con lo Stato. Dopo l’introduzione del presidente della Regione, la nuova giunta è passata all’approvazione delle prime deliberazioni.

Gli assessori hanno deciso di autorizzare il presidente a presentare ricorso innanzi la Corte Costituzionale a seguito dell’impugnazione della legge che ha reintrodotto la elezione diretta dei vertici delle ex Province e, quindi, per tutelare la potestà statutaria della Sicilia in materia di ordinamento degli Enti locali e per difendere il diritto dei cittadini a eleggere i propri rappresentanti, anche a seguito del voto popolare sul referendum costituzionale dello scorso dicembre e, quindi, nel solco dei principi di democrazia diretta fatti propri dall’Unione Europea.

E’ stato approvata la presentazione di un disegno di legge di iniziativa governativa per la istituzione, nell’ambito dell’assessorato alle Autonomie locali, di una specifica competenza per le Isole minori. provvisorio Terminati i lavori, la seduta è stata aggiornata a domattina per l’esame di ulteriori atti urgenti. In discussione vi sarà il bilancio con il ricorso inevitabile all’esercizio provvisorio.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook