Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BLITZ ANTIDROGA NEL QUARTIERE LIBRINO DI CATANIA: 36 ARRESTI – I NOMI

BLITZ ANTIDROGA NEL QUARTIERE LIBRINO DI CATANIA: 36 ARRESTI – I NOMI

Oltre 200 carabinieri irrompono nel fortino del traffico di cocaina e marijuana per conto di Cosa nostra. eseguiti 36 arresti e oltre 100 perquisizioni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BLITZ ANTIDROGA NEL QUARTIERE LIBRINO DI CATANIA: 36 ARRESTI –

Stamane all’alba, i carabinieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito una imponente operazione antidroga che ha visto impegnati oltre 200 carabinieri: eseguiti 36 arresti e oltre 100 perquisizioni.

I militari dell’arma hanno passato al setaccio una intera zona che si trova nella periferia sud della città: il quartiere Librino. Si tratta di una fascia estesa di palazzi considerata il più redditizio ‘supermarket’ della droga. Il blitz è stato effettuato a conclusione una imponente e complessa attività investigativa che ha portato all’emissione di un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di 36 indagati.

Su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura di Catania l’ordinanza è stata emessa dal Gip ipotizzando i reati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di cocaina e marijuana per conto di Cosa nostra catanese.

Per l’attività di spaccio a Librino veniva impiegato anche un bambino di 6 anni che prestava la sua opera. Il minore è il figlio della compagna di uno dei pusher arrestati. Durante la conferenza stampa che si è svolta a Catania gli investigatori hanno detto: «A questo bambino è stato sottratto il futuro». Il piccolo veniva utilizzato durante la fase di spaccio con diversi impieghi. Gli investigatori hanno sottolineato che si cercherà di «recuperare al più presto» il minorenne. La gestione della droga all’interno della criminalità organizzata catanese è quella che fa capo a Rosario Lombardo del clan Santapaola, pluripregiudicato e agli arresti domiciliari per motivi di salute.

Il procuratore della Repubblica a Catania Carmelo Zuccaro ha detto: «Queste piazze di spaccio sono una delle fonti di reddito più importanti dell’organizzazione mafiosa, più ancora dell’attività estorsive, più ancora delle altre attività illecite ovviamente. E’ un’attività che poi foraggia le attività ‘lecite’ delle organizzazioni mafiose che fanno poi concorrenza sleale all’imprenditoria più sana. Ecco perché una persona importante come Lombardo, e prima di lui i fratelli Nizza, si dedicano all’attività di spaccio».

Sempre il procuratore ha aggiunto: «Purtroppo la droga a Librino è un’occasione perversa e illecita di dare lavoro a persone che purtroppo non ce l’hanno. Noi nel corso di questa operazione abbiamo in pochissimi mesi arrestato in flagranza 25 pusher e arrestato oggi 36 persone. Pensate alla velocità di ricambio. In 10 minuti erano in grado, arrestato un soggetto, di poterlo sostituire in modo da potere svolgere la loro attività fino a 200 consegne di droga al giorno».

Questi i nomi degli arrestati: Ivan Battaglia, 25 anni, tradotto in carcere; Giuseppe Brigante, 23 anni, tradotto in carcere; B.S., 21 anni, ai domiciliari; Carlo Burrello, 24 anni, già relegato nel carcere Pagliarelli (Pa); Salvatore Celso, 23 anni, ai domiciliari; Cristian Castagna, 22 anni, ai domiciliari; Giovanni Coco, 23 anni, tradotto in carcere; Giuseppe D’Agata, 23 anni, tradotto in carcere; Antonio Di Mauro, 21 anni, ai domiciliari; Concetto Fazio, 42 anni, tradotto in carcere; G.M., 21 anni, ai domiciliari; Vito Gardali, 24 anni, tradotto in carcere; Danilo Alessandro Giammona, 27 anni, tradotto in carcere; Carmelo Giaquinta, 39 anni, ai domiciliari; Fernando Giarratano, 23 anni, già relegato nel carcere Noto (Sr); Gaetano Lanzanò, 26 anni, tradotto in carcere; Daniele Maggiore, 39 anni, già relegato nel carcere Piazza Lanza (Ct); Antonino Marsengo, 20 anni, ai domiciliari; Giuseppe Marsengo, 29 anni, viene associato in carcere; Italo Carmelo Marsengo, 41 anni, tradotto in carcere; Lorenzo Marsengo, 23 anni, ai domiciliari; Giuseppe Messina, 20 anni, già relegato nel carcere Piazza Lanza (Ct); Francesco Meo, 46 anni, tradotto in carcere; Carmelo Nicotra, 26 anni, tradotto in carcere; Giovanni Palazzolo, 22 anni, tradotto in carcere; Giuseppe Pulvirenti, 29 anni, ai domiciliari; Giada Salerno, 21 anni, ai domiciliari; Roberto Savasta, 21 anni, tradotto in carcere; Francesco Strano, 20 anni, tradotto in carcere; Gioacchino Junior Strano, 22 anni, già relegato nel carcere di Piazza Lanza (Ct); Giacchino Strano, 24 anni, già relegato nel carcere San Cataldo (Cl); Cristian Strazzeri, 26 anni, tradotto in carcere;

Gabriele Agatino Strazzeri, 22 anni, tradotto in carcere; Salvatore Ternullo, 24 anni, già relegato nel carcere di Piazza Lanza (Ct); Gianluca Torrisi, 21 anni, tradotto in carcere; Francesco Zuccaro, 30 anni, tradotto in carcere.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook