Archiviato in | Spettacolo, Teatro

IL GIURAMENTO AL TEATRO STABILE DI CATANIA

IL GIURAMENTO AL TEATRO STABILE DI CATANIA

Il Giuramento di Claudio Fava sarà in scena al Teatro Verga dal 5 al 17 dicembre 2017. L’opera ripercorre gli anni del fascismo, anni di dittatura, in cui era impossibile rifiutare il giuramento di fedeltà al fascismo, imposto ai professori universitari nel 1931.

Print Friendly, PDF & Email

 

IL GIURAMENTO AL TEATRO STABILE DI CATANIA –

Il giuramento di Claudio Fava, con la regia di Ninni Bruschetta e le musiche di Cettina Donato, verrà portato in scena al Teatro Verga dal 5 al 17 dicembre 2017. L’opera ripercorre gli anni del fascismo, anni di dittatura, in cui era impossibile rifiutare il giuramento di fedeltà al fascismo, imposto ai professori universitari nel 1931.
Tuttavia, seppur sotto minaccia, su oltre milleduecento docenti, soltanto dodici opposero un rifiuto. Dodici uomini che sembrano essere stati dimenticati dalla storia, ma che, in realtà, sono stati riportati alla ribalta da Claudio Fava, il quale ha scritto un’opera teatrale incentrata sulla storia di Mario Carrara (David Coco), uno di quei dodici che con il

Nella foto l’attore David Coco

suo coraggio osò sfidare Mussolini, il dittatore. “Si chiama Mario Carrara e fa il medico legale. Nella vita di Carrara, uomo solitario, ironico e inacidito al tempo stesso, c’è l’università che per lui è esercizio del dubbio volterriano. – spiega Claudio Fava- […] Attorno a lui corre l’Italietta conformista dei primi anni del fascio, gli studenti con la tessera del Guf cucita nella tasca dei pantaloni, il finto perbenismo, la carriera, le conversazioni vaghe e discrete dei colleghi, le brume umide di una città del nord… Finché accade qualcosa. Lentamente attorno a sé Carrara percepisce l’agonia di un’Italia in cui molti capiscono cosa sta accadendo ma pochi scelgono di stare dalla parte giusta. Quando il rettore gli comunica data e prescrizioni del giuramento – fedeltà al re e al duce – Carrara capisce di non poterlo fare. Mentre gli altri professori pronunciano il loro giuramento, vedremo Carrara attraversare i camminamenti del carcere in cui ha sempre lavorato da medico legale: questa volta da detenuto. Non ha giurato. Non poteva. Non potrà mai più”.

Eleonora Bellina

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook