Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PRESTITI CON ALTI TASSI DI USURA, ARRESTATE MADRE E FIGLIA

PRESTITI CON ALTI TASSI DI USURA, ARRESTATE MADRE E FIGLIA

Il fatto è accaduto a Bagheria. Finiti nella rete dell’usura una dozzina di vittime, tutte in gravissime condizioni economiche.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRESTITI CON ALTI TASSI DI USURA, ARRESTATE MADRE E FIGLIA –

Il Gip di Termini Imerese con un provvedimento ha delegato i carabinieri ad eseguire due ordinanze di custodia cautelare in carcere, nei confronti di due persone: madre e figlia, A.D.S. e V.M., di 69 e 43 anni. Le donne sono accusate di usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. L’indagine ha permesso di mettere fine un giro di prestiti elargiti a Bagheria comune in provincia di Palermo, con tassi che superavano il 360% annui.

Le vittime cadute nella trappola sono una dozzina e sono stati accertati oltre 50 episodi. Le vittime dei prestiti a usura sono tutte in gravissime condizioni economiche. Madre e figlia fornivano piccoli prestiti tra i 100 e i 200 euro, e pretendendo poi il pagamento, il più delle volte, a un tasso usurario del 30% ogni mese. Le due donne, sono state tradotte nel carcere Pagliarelli di Palermo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook