Archiviato in | Politica, Politica Regionale

GIUNTA REGIONALE: MUSUMECI AVREBBE GIÀ CONCLUSO, MA ANCORA L’ACCORDO CON FI NON QUADRA.

GIUNTA REGIONALE: MUSUMECI AVREBBE GIÀ CONCLUSO, MA ANCORA L’ACCORDO CON FI NON QUADRA.

A Palazzo d’Orleans Fervono i lavori per costituire la giunta Musumeci ma ancora l’accordo con Forza Italia è da definire. E proprio quest’ultimo pare essere il nodo più delicato da dipanare.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GIUNTA REGIONALE: MUSUMECI AVREBBE GIÀ CONCLUSO, MA ANCORA L’ACCORDO CON FI NON QUADRA.

Musumeci vorrebbe designare la giunta perché ha fretta di iniziare subito a lavorare per incominciare ad affrontare i problemi urgenti che non possono più attendere. Inoltre lo stesso ha espresso il suo netto dissenso per prendere ancora tempo e attendere l’insediamento e l’elezione del presidente dell’Ars.
A Palazzo d’Orleans Fervono i lavori per costituire la giunta Musumeci ma ancora l’accordo con Forza Italia è da definire. E proprio quest’ultimo pare essere il nodo più delicato da dipanare. Proprio ieri, il presidente Nello Musumeci ha avuto una lunga riunione con il commissario regionale di Forza Italia Gianfranco Miccichè e il suo vice Francesco Scoma. Tema dell’incontro trovare la quadra e stabilire al più presto una intesa che possa anticipare i tempi considerato che Miccichè vorrebbe posticipare la formazione della giunta all’indomani della definizione degli assetti nell’ufficio di presidenza dell’Ars, mentre Musumeci vorrebbe designare la giunta perché ha fretta di potersi mettere subito al lavoro e incominciare ad affrontare i problemi urgenti che non possono più attendere.
Le riserve di Miccichè potrebbero riferirsi al fatto che assegnate le deleghe, non si riesca a mantenere ben salde le alleanze generando malumori e compromettere la sua possibile elezione a Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana.
E’ chiaro che il Presidente ha le posizioni salde sui nomi e deleghe, anche se potrebbero esserci alcune soluzioni nelle eventualità che si dovesse operare in caso di mancato gradimento da parte degli alleati perché l’intenzione è chiudere in armonia con l’intera coalizione.
Queste potrebbero essere le soluzioni tenendo in considerazione gli accordi preelettorali: Gaetano Armao vice Presidente e assessore all’Economia (però sulla vice presidenza potrebbe attivare delle trattative); Roberto Lagalla assessore alla Formazione professionale e Istruzione, Vittorio Sgarbi assessore ai Beni Culturali, però voci di corridoio lo indicano come presidente della Fondazione Federico II, anche perché lui ha fatto intendere che resterebbe solo qualche mese, fino alle elezioni nazionali); Ruggero Razza, considerato un fedelissimo di Musumeci, dovrebbe essere delegato alla sanità per sottrarla alle richieste espresse da tutti i partiti; Per Totò Cordaro sembra delinearsi la delega al Territorio e Ambiente Mimmo e Turano potrebbe andare alle Attività Produttive. A questa ipotesi di giunta manca il nome dell’assessore di Lega e Fratelli d’Italia se Razza, come sembra, sarà in carico al Presidente in persona. Qualora quest’ultimo fosse considerato in carico a Musumeci girerebbero già i nomi di Gianpiero Cannella e Alessandro Aricò che fino a qualche giorno fa sembrava dover ricevere la delega per la Sanità. Intanto, si delinea più complessa la vicenda che riguarda gli assessori di Forza Italia, considerato che il partito non ha indicato ufficialmente i propri al Presidente. Tra i papabili, Marco Falcone, Edy Bandiera, Riccardo Gallo Afflitto, Santi Formica, Giovanni Mauro e Giuseppe Guaiana: sono sei ma Musumeci riterrebbe assegnarne solo quattro.
Secondo il presidente Musumeci la giunta dovrebbe essere designata entro giovedì 30 novembre. Intanto, c’è ancora qualche giorno per ultimare gli accordi, anche perché Musumeci ha espresso il suo netto dissenso per prendere ancora tempo e attendere l’insediamento e l’elezione del presidente dell’Ars.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook