Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CROLLO MONTE GALLO: SINDACO ORLANDO INDAGATO

CROLLO MONTE GALLO: SINDACO ORLANDO INDAGATO

Da quanto emerge dalla consulenza, la parete rocciosa di Monte Gallo dalla quale la mattina del 27 novembre di due anni fa si staccò quell’enorme masso che sfondò letteralmente la parete della villetta schiacciando la signora Paltrinieri che dormiva.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CROLLO MONTE GALLO: SINDACO ORLANDO INDAGATO –

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando è indagato per il crollo a Monte Gallo. Il tragico evento si verificò il 27 novembre del 2015 e la caduta di un masso staccato dalla montagna provocò la morte di Ornella Paltrinieri, rimasta schiacciata nel suo letto. come riportato dal quotidiano Repubblica, A Orlando è stato notificato un avviso di garanzia per omicidio colposo, nella qualità di responsabile della Protezione Civile comunale. L’iscrizione del sindaco nel registro degli indagati, è stata formulata dopo il deposito della consulenza tecnica dell’ingegnere Giovanni Barla ai pm Silvia Benetti e Bruno Brucoli. Notificata anche al dirigente della Protezione civile Franco Mereu e a Mario Li Castri, dirigente del settore Riqualificazione urbana.

Da quanto emerge dalla consulenza, la parete rocciosa di Monte Gallo dalla quale la mattina del 27 novembre di due anni fa si staccò quell’enorme masso che sfondò letteralmente la parete della villetta schiacciando la signora Paltrinieri che dormiva, era già da dieci anni classificata «a pericolosità P4 molto elevata» e di conseguenza anche le villette edificate lì sotto con regolare licenza erano a «rischio molto elevato». Infatti, il Comune, nel 2004, predispose il progetto preliminare di consolidamento di quelle pareti rocciose, che sarebbe stato finanziato con capitoli di spesa del ministero dell’Ambiente.
Ma i lavori iniziarono solo due settimane dopo il tragico crollo di Monte Gallo. Il primo cittadino è difeso dall’avvocato Roberto Mangano.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook