Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RIUNIONE G7 SU PARI OPPORTUNITÀ, APPROVATO DOCUMENTO

RIUNIONE G7 SU PARI OPPORTUNITÀ, APPROVATO DOCUMENTO

L’incontro di Taormina ha sancito l'impegno dei governi per azioni comuni. Nel documento siglato la lotta alla violenza è stata definita strategica.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RIUNIONE G7 SU PARI OPPORTUNITÀ, APPROVATO DOCUMENTO –

I delegati del G7 stilano un documento per la parità di genere sottoscritto a Taormina, che impegna i governi ad avviare un percorso concreto contro le discriminazioni subite dalle donne, sul lavoro, a casa, nella quotidianità. I presenti al tavolo sono partiti da un riconoscimento ufficiale, non scontato: «nessun paese ha ancora la parità di genere de facto». Tutti convinti che non esiste sviluppo senza un riequilibrio di genere e che su questo tema serve un «cambio di mentalità». Questo è il risultato dei due giorni sulle pari opportunità voluta dal governo italiano nell’ambito della presidenza del semestre italiano. A presiedere la riunione, la sottosegretaria Maria Elena Boschi, con delega alle pari opportunità. Per l’occasione si sono riuniti i rappresentanti di Canada, Gran Bretagna, Usa, Francia, Germania, Giappone (unico rappresentante uomo). Presente la commissaria Ue Vera Jourova. Si prevedono azioni per la crescita dell’occupazione femminile  come ridurre entro il 2025 il divario del 25%, la presenza in politica e sui luoghi decisionali.

Nel documento sottoscritto, la violenza sulle donne occupa uno spazio strategico. Durante la conferenza stampa finale, tutti i rappresentanti hanno convenuto di condividere e sostenere la campagna ‘Me too’. La ministra canadese per la condizione femminile, Maryam Monsef ha evidenziato che: «la principale barriera rimane la violenza di genere. Ma c’è speranza. Non siamo sole. La violenza di genere è prevedibile». Marlene Schiappa, sottosegretaria francese alla parità ha detto che «ci aspetta una sfida». Kathryn C. Kaufman, consigliera del presidente Usa ha osservato: «Le donne sono diventate priorità del G7. Siamo qui con la convinzione comune che la stabilità ha a che vedere con l’emancipazione delle donne». La Commissaria Jourova alla rappresentante Usa, ha rivolto un invito a sottoscrivere la carta di Istanbul. Joanna Roper, inviata speciale per la parità di genere ha affermato: «In Gran Bretagna non vogliamo perdere tempo e vogliamo coinvolgere il pubblico e il privato per ridurre i gap».

La ministra tedesca Katarina Barley, ha confermato la possibilità di: «collaborare in modo costruttivo e che la violenza di genere non ha solo ricadute sull’economia ma è un’ingiustizia. C’è ancora troppo sessismo». Il giapponese Yuhei Yamashita unico rappresentante governativo uomo ha parlato di un impegno per accelerare le pari opportunità nel suo paese. Intanto, la Commissaria Jourova ha confermato il suo ottimismo per il nuovo corso decendo che a Taormina non si è andati in vacanza, ma si è lavorato in modo costruttivo. La sottosegretaria Boschi ha ribadito l’importanza dell’accordo raggiunto per un impegno reale. Un percorso che seguirà una strada ben precisa che i leader del G7 hanno approvato lo scorso maggio. Ha poi sottolineato che in questo scorcio di legislatura vorrebbe portare a conclusione alcune iniziative come il Piano antiviolenza 2017-20, che si trova alla Conferenza Unificata, A seguire, l’approvazione definitiva della legge sulla tracciabilità dei salari e quello, approvato stamattina in prima lettura al Senato, che evita la riparazione economica del reato di stalking. Suo desiderio anche il via libera alla legge che riguarda gli orfani di femminicidio. Al termine, le delegazioni dei G7 hanno si sono recati in un centro, nel comune di Gaggi in provincia di Messina, gestito dall’associazione Penelope che si occupa di sostegno alle vittime della tratta dei migranti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook