Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TORNA IL G7 A TAORMINA, SUL TAVOLO LE PARI OPPORTUNITÀ

TORNA IL G7 A TAORMINA, SUL TAVOLO LE PARI OPPORTUNITÀ

Apre i battenti a Taormina il primo summit della storia dedicato alle donne. La sottosegretaria Boschi: « Credo sia un segnale importante aver iniziato il semestre di presidenza italiano a Firenze con il G7 della cultura e chiuderlo qui a Taormina con il G7 delle pari opportunità».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TORNA IL G7 A TAORMINA, SUL TAVOLO LE PARI OPPORTUNITÀ –

La sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi con delega alle pari opportunità, ha aperto la riunione ministeriale che comincia oggi i lavori a Taormina: «Questo G7, il primo della storia sulle pari opportunità, è dedicato ai diritti delle donne».

La Boschi ha accolto in tarda mattinata le delegazioni governative e ha detto: «Sono due giorni importanti che raccolgono il mandato dei Grandi sette che si erano riuniti nel maggio scorso sempre a Taormina». Poi ha aggiunto: «Credo sia un segnale importante aver iniziato il semestre di presidenza italiano a Firenze con il G7 della cultura e chiuderlo qui a Taormina con il G7 delle pari opportunità. Cultura e pari opportunità sono la quinta essenza del messaggio del semestre italiano che il nostro paese lascia ai paesi del G7».

In programma due temi al centro del primo G7 Pari Opportunità della storia: il primo è rafforzare le misure contro la violenza sulle donne; il secondo: «woman empowerment», che interessa in particolare l’aspetto economico. Il vertice inizia oggi a Taormina e si protrarrà per i successivi due giorni.

Ad organizzare l’event è l’Italia rappresentata dalla sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, con delega alle pari opportunità, Maria Elena Boschi.  Infatti la stessa presiede la riunione ministeriale formata da: Maryam Monsef, ministra per la condizione femminile (Canada); Marlene Schiappa, Segretaria di stato con delega alla parità tra donne e uomini (Francia); Kathryn C. Kaufman, consigliera del Presidente (Usa); Joanna Roper, inviata speciale per le parità di genere (Gran Bretagna); Katarina Barley, ministra federale per la famiglia, gli anziani, le donne e i giovani (Germania); Yuhei Yamashita, vice ministro parlamentare dell’Ufficio di Gabinetto (Giappone).

Nella città siciliana denominata la perla dello jonio, circa mille uomini delle forze dell’ordine garantiranno la sicurezza. Presente V?ra Jourová, Commissaria europea per la giustizia, la tutela dei consumatori e l’uguaglianza di genere. Punto di partenza del confronto dei rappresentanti dei governi, la road map adottata, sempre a Taormina, lo scorso maggio dai leader del G7.

La parità di genere e l’empowerment femminile fanno parte di un piano d’azione ambizioso che mira a sollecitare strategie, contrastare abusi e violenze. Si lavorerà inoltre per migliorare, ad esempio, l’accesso delle donne al lavoro e sui luoghi decisionali. Su questi presupposti, i 7 Paesi cercheranno un consenso generando nuove e comuni politiche per la parità di genere.

In questo G7, l’Italia si presenta con un’esperienza importante alle spalle. E spicca nel panorama europeo. Tant’è vero che nel rapporto “Gender Equality Index 2017” dell’European Institute for Gender Equality, a fronte di un avanzamento delle politiche europee “a passo di lumaca”, appena 4,2 punti in dieci anni, il nostro paese ha avuto un incremento di ben 13 punti, passando da 49,2 a 62,2.In questo campo, l’Italia si presenta comunque in una bassa posizione, al 14/o posto; la Svezia è prima con 82,6 punti, ultima la Grecia con 50. L’Italia è poi al 2/o posto in Europa per numero di donne imprenditrici; il 16% delle donne impiegate è imprenditrice o lavoratrice autonoma (Ocse, 2016). Rispetto ai paesi del G7, sopra la media Ocse, c’è anche il Canada; al di sotto del 10% Gran Bretagna, Francia, Usa, Germania e Giappone.

Ancora in deficit con problemi, l’ambito del lavoro: per l’Istat (agosto 2017), l’occupazione femminile è al 48,9%, il dato più alto da 40 anni ma lontano di 20 punti percentuali rispetto agli uomini. Il governo italiano auspica interventi migliorativi per conciliare lavoro e famiglia, ricorrendo anche ad orari flessibili e a nuove tecnologie. Restano poi ancora deficitarie questioni come il gap degli stipendi rispetto agli uomini (si stima circa il 5% in meno), la rappresentanza femminile in politica e la presenza sui luoghi decisionali. Fra le iniziative già concrete degli ultimi tempi, l’elaborazione del nuovo Piano nazionale antiviolenza che dovrebbe essere approvato a breve; un decreto sulla conciliazione dei tempi vita-lavoro e per l’occupazione femminile (110 milioni di euro in due anni); lo stanziamento, nella legge di bilancio, di circa 33 milioni per il 2018 e di 34 milioni per il 2019 per i centri antiviolenza. A margine della sessione di lavoro del G7, le delegazioni ministeriali visiteranno un centro che dà assistenza a giovani donne vittime di tratta. Nella tarda mattinata di domani è in programma la conferenza stampa finale.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook