CANDIDATO GRILLINO ARRESTATO AD AGRIGENTO, M5S LO ESPELLE

CANDIDATO GRILLINO ARRESTATO AD AGRIGENTO, M5S LO ESPELLE

Fabrizio La Gaipa ad Agrigento era stato il primo dei non eletti. L'imprenditore alberghiero è accusato di estorsione a due dipendenti e si trova già agli arresti domiciliari.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CANDIDATO GRILLINO ARRESTATO AD AGRIGENTO, M5S LO ESPELLE –

E’ stato arrestato dalla squadra mobile di Agrigento, Fabrizio La Gaipa, uno dei candidati della lista M5s alle scorse regionali. L’accusa è estorsione.
Si era candidato nel collegio di Agrigento, La Gaipa, 42 anni, imprenditore nel settore alberghiero, giornalista, già presidente del Distretto turistico Valle dei Templi. L’accusa contestata riguarda una presunta estorsione a due dipendenti dell’imprenditore che sarebbero stati costretti a firmare false buste paga.
Secondo fonti del M5s si va verso la sospensione dal Movimento. Con La Gaipa risulta indagato nella stessa inchiesta anche il fratello Salvatore, per il quale i magistrati hanno disposto il divieto di dimora in città. L’imprenditore alberghiero, titolare del Costa Azzurra Museum sul litorale agrigentino di San Leone, era l’unico candidato del capoluogo nel collegio di Agrigento per le elezioni regionali ed era arrivato terzo con 4.357 voti, risultando il primo dei non eletti. Nel corso della sua campagna elettorale avevano partecipato anche il vice presidente della Camera Luigi Di Maio, il parlamentare Alessandro Di Battista e il candidato Giancarlo Cancelleri. La Gaipa si trova ora agli arresti domiciliari.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook