Archiviato in | Arte e Cultura, Libri

LA FELTRINELLI CATANIA, PRESENTATO IL LIBRO DI TERESA PAPPALARDO

LA FELTRINELLI CATANIA, PRESENTATO IL LIBRO DI TERESA PAPPALARDO

Presentato il libro “Sulle ali della felicità”. L'incontro si è svolto presso la libreria La Feltrinelli di Catania con la collaborazione del Prof. Gaetano Cavallaro. Un romanzo che ha catturato l’attenzione dei presenti, che lo hanno definito un Inno alla vita.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LA FELTRINELLI CATANIA, PRESENTATO IL LIBRO DI TERESA PAPPALARDO –

Teresa Iolanda Pappalardo ha presentato il suo libro “Sulle ali della felicità” presso la libreria La Feltrinelli di Catania con la collaborazione del Prof. Gaetano Cavallaro. Un romanzo che ha catturato l’attenzione dei presenti, che lo hanno definito un Inno alla vita.

Ed ecco che il dibattito, tra autrice/relatore prima e autrice/lettori dopo, ha preso vita, inducendo i presenti a porre nuove domande su quello che è un romanzo che tocca i punti salienti della nostra società: i maltrattamenti all’interno delle mura domestiche, la sessualità, i rapporti tra genitori e figli, i rapporti tra coniugi e, perché no, anche quello tra amanti. A seguire l’intervista all’autrice e al relatore:

Teresa, cosa l’ha indotta a scrivere il romanzo Sulle ali della felicità?

Guardarmi intorno e vedere che molte donne sono oggetto di violenza e non parlo solo di quella fisica, ma anche di quella psichica. Proprio quest’ultima, a mio parere, è più sottile, ma talmente incisiva da spingere spesso al suicidio.

Quando ha iniziato a sentirsi attratta dalla letteratura?

Sin da bambina, dopo aver letto il libro Cuore di E. De Amicis.

Il suo romanzo parla d’amore. Cosa dovremmo sapere su questo sentimento?

Per me l’amore deve essere inteso come libertà. Libertà di scelta, libertà di vivere appieno una relazione senza che l’altro annulli se stesso per compiacere il proprio partner, perché l’amore non è proibizione.

Alcuni personaggi del romanzo si nascondono dietro le apparenze per difendersi dal mondo, dalla società, per poi far emergere la loro vera natura, una natura sensibile (Ornella, Vera…). Cosa ne pensa della sensibilità?

I personaggi del mio libro sono donne che hanno convissuto con uomini che le hanno considerate oggetti da mettere in bella mostra senza averne il minimo rispetto. Ciò le ha indotte a celarsi dietro una maschera, per citare una parte del libro. È giusto essere sensibili, ma non annullarsi o permettere alla nostra sensibilità di essere oggetto di scherno da parte di chi ci sta intorno.

Al Prof. Cavallaro è stato chiesto:

La presentazione del romanzo Sulle ali della felicità che sensazioni le ha suscitato?

Sensazioni positive, l’autrice ha aperto il suo cuore, che in parte aveva già consegnato ai lettori con il libro.

Quali sono le caratteristiche del libro che ti hanno fatto prendere la decisione di presentare il romanzo?

Come ho detto durante la presentazione, la profondità e la personalità dei personaggi, in particolare l’indole di Vera che ho definito lo specchio in cui l’amica Ornella, guardandosi, riesce a capire come comportarsi per dare una svolta alla sua vita. Un altro aspetto è lo stile dell’autrice fresco, leggero, ma anche studiato! Non mi ha dato l’idea di un romanzo lasciato all’improvvisazione, si nota la cura nella redazione e nella composizione che, allo stesso tempo, non ha frenato la freschezza che contraddistingue l’opera.

Come ha conosciuto l’autrice e qual è il rapporto con lei?

Ho conosciuto l’autrice, perché sono stato l’insegnante della figlia. Ci conosciamo da dieci anni, anzi forse anche undici e da allora è rimasto un rapporto di amicizia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook