Archiviato in | Spettacolo, Teatro

BESTIE DI SCENA ALLO STABILE DI CATANIA

BESTIE DI SCENA ALLO STABILE DI CATANIA

Carabinieri hanno Sgominato la banda che rapinava gli anziani in casa ad Altavilla Milicia. La gang era composta da quattro persone di cui tre di loro sono rom del campo nomadi di Palermo.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BESTIE DI SCENA ALLO STABILE DI CATANIA –

Dopo il debutto al Piccolo Teatro di Milano, Bestie di scena continua a suscitare non poco scalpore e commenti. La regista e drammaturga palermitana, Emma Dante, si è cimentata in un’opera in cui protagonisti assoluti sono i corpi nudi degli attori che rievocano alla mente la condizione primordiale dell’uomo alla continua ricerca di se stesso. Lo spettacolo è ideato e diretto da Emma Dante con Elena Borgogni, Sandro Maria Campagna, Viola Carinci, Italia Carroccio, Davide Celona, Sabino Civilleri, Alessandra Fazzino, Roberto Galbo, Carmine Maringola, Ivano Picciallo, Leonarda Saffi, Daniele Savarino, Stephanie Taillandier, Emilia Verginelli e con Daniela Macaluso e Gabriele Gugliara; Elementi scenici Emma Dante, Luci Cristian Zucaro.

Emma Dante ha rilasciato in un’intervista di voler raccontare del lavoro dell’attore, il quale si abbandona alle sue fatiche, alle sue necessità fino a perdere ogni residuo di vergogna. E questa si perde, abbandonando ciò che di superfluo ci circonda, in primis le consuetudini dietro cui ci nascondiamo per paura di mostrarci agli altri e ciò avviene grazie a un processo di rinascita dell’uomo che indosserà un unico vestito… la pelle.

Le bestie sono chiuse nel loro personale e piccolo mondo, finché non arrivano segnali di fuoco da cui non è possibile trovare una via d’uscita. Dopo svariate prove, riecheggia un ultimo comandamento, il più temibile. La regista ha dichiarato: ”Sceglieranno di restare nudi in schiera davanti a noi, senza coprirsi neanche più occhi, seni e genitali. La loro scoperta sarà di essere sempre stati nudi e di non essere stati altro che quello”.

Eleonora Bellina

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook