Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SIRACUSA, VOLEVA FAR PROSTITUIRE LA MADRE PER GIOCARE CON LE SLOT

SIRACUSA, VOLEVA FAR PROSTITUIRE LA MADRE PER GIOCARE CON LE SLOT

Picchiava la madre per farsi dare il denaro per giocare e per averne dell’altro la voleva far prostituire. Bastonava anche il fratellino di dieci anni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SIRACUSA, VOLEVA FAR PROSTITUIRE LA MADRE PER GIOCARE CON LE SLOT –

Il fatto è accaduto a Siracusa, un minorenne spingeva la madre a prostituirsi per avere i soldi da giocare nelle slot machine. Si tratta di un quindicenne di Siracusa, accusato di maltrattamenti in famiglia e tentativo di estorsione. Il ragazzino è stato fermato dai carabinieri che hanno eseguito nei suoi confronti un provvedimento di collocamento in comunità emesso dalla Procura dei minori di Catania.

Foto di repertorio

Il minore avrebbe picchiato diverse volte la madre, anche con una pietra e un ombrello, impedendole di uscire di casa. Spesso malmenava anche il fratellino di 10 anni che voleva difendere la madre. La donna, l’ultima volta è scappata da casa rifugiandosi da amici, ma il 15enne l’ha rintracciata e ha continuato a picchiarla e a minacciarla. Poi l’intervento dei carabinieri, il fermo e il trasferimento in una comunità per minori.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook