Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ARRESTATO DE LUCA APPENA ELETTO ALL’ARS

ARRESTATO DE LUCA APPENA ELETTO ALL’ARS

Il neo deputato regionale del centrodestra avrebbe emesso Fatture fittizie ed evasione fiscale da 1,7 milioni di euro: l’accusa è di aver promosso un'associazione per delinquere insieme con il presidente della Fenapi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARRESTATO DE LUCA APPENA ELETTO ALL’ARS –

A conclusione di indagini coordinate dalla Procura di Messina in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal gip del tribunale della città dello stretto, i carabinieri e la guardia di finanza hanno posto agli arresti domiciliari il neo deputato regionale Cateno De Luca e il presidente della Fenapi (Federazione piccoli imprenditori) Carmelo Satta, in qualità di promotori di un’associazione per delinquere finalizzata alla realizzazione di una rilevante evasione fiscale di circa un milione e 750 mila euro.
De Luca è stato eletto all’Ars con 5.418 preferenze, nella lista messinese di Udc – Sicilia Vera. Il neo deputato era tra quelli considerati impresentabili dal Movimento 5 stelle.

Secondo gli investigatori che hanno condotto le indagini, è stato individuato un complesso reticolo societario facente capo alla Federazione nazionale autonoma piccoli imprenditori e alla società Caf Fenapi s.r.l., riconducibile a De Luca e Satta utilizzata, nel corso del tempo, per un sofisticato sistema di fatturazioni fittizie finalizzate all’evasione delle imposte dirette e indirette.

Gli inquirenti: «Lo schema evasivo emerso prevedeva l’imputazione di costi inesistenti, da parte della Federazione Nazionale a vantaggio del Caf Fenapi s.r.l., individuato quale principale centro degli interessi economici del sodalizio criminale. La frode si è sviluppata basandosi sul trasferimento di materia imponibile dal Caf alla Federazione nazionale, in virtù del regime fiscale di favore applicato a quest’ultima, che ha determinato un notevole risparmio di imposta».

A conclusione delle indagini sono state denunciate otto persone ed è stata disposta l’esecuzione del sequestro preventivo per equivalente fino all’ammontare dell’indebito risparmio di imposta, sia nei confronti degli arrestati che nei confronti della società Caf Fenapi, nei cui confronti è stata applicata la normativa in materia di responsabilità amministrativa degli enti.

La segreteria nazionale del partito: «L’Udc ha avuto la massima diligenza nella formazione delle liste elettorali. Abbiamo chiesto a tutti i candidati il certificato del casellario giudiziario e quello dei carichi pendenti. Abbiamo fiducia nella magistratura che siamo certi porterà all’accertamento della verità e siamo convinti che De Luca sarà in grado di chiarire i fatti e di dimostrare la sua innocenza».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook