Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ELEZIONI REGIONALI SICILIA, MUSUMECI OTTIENE ANCHE LA MAGGIORANZA GLI ELETTI

ELEZIONI REGIONALI SICILIA, MUSUMECI OTTIENE ANCHE LA MAGGIORANZA GLI ELETTI

Sono 70 i seggi che ricopriranno gli eletti nel nuovo Parlamento siciliano: il Movimento 5 stelle ottiene il 26% - 20 deputati; Forza Italia si qualifica come secondo partito al 16% 12 deputati; gli autonomisti secondo gruppo del centrodestra. Pd terzo in assoluto con il 13%. All’interno i nomi degli eletti

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ELEZIONI REGIONALI SICILIA, MUSUMECI OTTIENE ANCHE LA MAGGIORANZA GLI ELETTI –

Nello Musumeci è il nuovo presidente della Regione Siciliana ottenendo all’Assemblea Regionale Siciliana anche la maggioranza risicata per governare 36 seggi. Le liste sono otto e hanno superato la soglia di sbarramento ed eleggeranno deputati. Il nuovo assetto dell’Ars ospiterà 70 deputati rispetto ai 90 della precedente. Questa tornata lascia fuori nomi conosciuti che rappresentavano molte province. Numerosi deputati uscenti non sono stati riconfermati altri sono stati penalizzati dai risultati delle coalizioni. Si conferma dunque che il nuovo assetto si definisce, anche dalla presenza di tanti giovani, che daranno un nuovo corso alla legislatura parlamentare siciliana.

Il Movimento 5 stelle si conferma primo partito in Sicilia con il 26,67% delle preferenze. Il voto disgiunto ha premiato il candidato Giancarlo Cancelleri che ha ottenuto il 34,65% delle preferenze entrando di diritto nel parlamento siciliano. Quindi, pentastellati eleggono altri 19 deputati: Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro (Agrigento), Nunzio Di Paola (miglior secondo a Caltanissetta); Angela Foti, Gianina Ciancio, Francesco Cappello e Jose Marano (Catania); Elena Pagana (Enna); Valentina Zafarana e Antonino De Luca (Messina); Giampiero Trizzino, Salvatore Siragusa, Luigi Sunseri, Roberta Schillaci (Palermo); Stefania Campo (Ragusa); Stefano Zito e Giorgio Pasqua (Siracusa); Sergio Tancredi e Valentina Palmeri (Trapani).

La sinistra dei Cento passi per Fava conquista un seggio a Palermo, formalmente attribuito al capolista, lo stesso Claudio Fava.

La coalizione di centrodestra che ha contribuito a eleggere Nello Musumeci si posiziona al 42% delle preferenze, contro il 39,8% che è il dato finale con cui è stato confermato il candidato presidente. L’effetto trascinamento ha favorito Musumeci e che gli ha permesso di vincere la competizione elettorale. A palazzo D’Orleans la coalizione porterà 29 deputati che si aggiungono ai 7 del listino del quale fa parte di diritto anche lo stesso nuovo presidente della Regione.

Il primo partito del centrodestra è Forza Italia con il 16,37% e 12 deputati che sono: Riccardo Gallo (Agrigento), Michele Mancuso (Caltanissetta); Marco Falcone e Alfio Papale (Catania); Luigi Genovese e Tommaso Calderone (Messina); Giuseppe Milazzo, Riccardo Savona e Marianna Caronia (eletta grazie all’ingresso all’Ars di Gianfranco Miccichè attraverso il listino di Musumeci); Orazio Ragusa (Ragusa); Rossana Cannata (Siracusa); Stefano Pellegrino (Trapani).

Idea Sicilia e Popolari autonomisti, sponsorizati da Lagalla e degli ex Mpa, si conferma seconda forza della coalizione con il 7% e consolidano 5 deputati: Carmelo Pullara (Agrigento); Giuseppe Compagnone (Catania); Toto Cordaro e Roberto Lagalla (Palermo) e Pippo Gennuso (Siracusa).

L’Udc arriva al 6,9% e conferma all’Ars 5 deputati: Margherita La Rocca Ruvolo (Agrigento); Giovanni Bulla (Catania); Cateno De Luca (Messina); Vincenzo Figuccia (Palermo) ed Eleonora Lo Curto (Trapani) eletta al posto di Mimmo Turano, già nel listino.

Segue la lista del presidente #DiventeràBellissima con il 5,96% e 4 deputati che sono: Giuseppe Zitelli (Catania); Giuseppe Galluzzo (Messina); Alessandro Aricò (Palermo); Giorgio Assenza (Ragusa).

Fratelli d’Italia e Noi con Salvini si attestano al di sopra della soglia e ottengono il 5,6%, eleggendo 3 deputati: Gaetano Galvagno (Catania); Antonio Catalfamo (Messina) e Tony Rizzotto (Palermo).

Il centrosinistra limita i danni con 13 deputati eletti, di cui 11 del Partito Democratico: Michele Catanzaro (Agrigento); Giuseppe Arancio (Caltanissetta); Luca Sammartino e Anthony Barbagallo (Catania); Luisa Lantieri (Enna); Franco De Domenico (Messina); Giuseppe Lupo e Antonello Cracolici (Palermo); Nello Dipasquale (Ragusa); Giovanni Cafeo (Siracusa); Baldo Gucciardi (Trapani).

Sicilia Futura assicura 2 eletti: Nicola D’Agostino (Catania) ed Edy Tamajo (Palermo).

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook