Archiviato in | Politica, Politica Regionale

MUSUMECI È PRESIDENTE DELLA REGIONE

MUSUMECI È PRESIDENTE DELLA REGIONE

Ormai è sicuro, Musumeci la spunta su Cancelleri, lo staff della coalizione di centrodestra già esulta. I pentastellati: «Poche migliaia di voti di differenza, decisivi gli impresentabili. Strane le dimissioni di 100 presidenti di seggio a Catania». Resta fuori dall'Ars la lista che fa capo a Micari, mentre rischiano Ap e centristi, in bilico anche Fdi-Salvini e Cento passi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUSUMECI È PRESIDENTE DELLA REGIONE –

Nello Musumeci è il nuovo presidente della Regione siciliana. Manca ancora mancano ancora l’ufficialità che proviene solo dai dati certificati. e per il momento bisognerà attendere visto il ritardo nello scrutinio dei dati. Per giungere a metà strada sono state necessarie 8 ore ma le proiezioni effettuate su dati reali e con un margine di errore al di sotto dell’1% lo davano già per eletto. Musumeci ancora non commenta fino a dato acquisito e segue da casa con i figli l’andamento dello spoglio.
Così l’elezione del nuovo presidente della regione consegna una serie di dati politicamente rilevanti. Il primo riguarda il partito degli astensionisti che ancora una volta è il vero vincitore visto che alle urne si è recato poco meno del 47 per cento degli aventi diritto considerato che non ha votato oltre il 53% dei siciliani.
Un altro fattore è stato il voto disgiunto che ha premiato, invece, il candidato 5 stelle Giancarlo Cancelleri anche se non è stato sufficiente per la sua elezione. I 5 stelle, pur non eleggendo il presidente della Regione, sono il primo partito in Sicilia e per poco non raddoppiano i voti rispetto al 2012.

Il centro sinistra farà i conti con la sconfitta che brucia di più, quella di Fabrizio Micari. Infatti il rettore non arriva al 20% e ottiene meno voti di quanti non ne mettano insieme le liste che lo sostengono. Il candidato presidente mette insieme il 7% di consensi in meno rispetto ai propri. Quindi, una bocciatura chiara dai partiti di sinistra. Scarso il risultato della lista Micari quella sponsorizzata da Leoluca Orlando.
Claudio Fava ottiene un buon risultato della sua lista ‘Cento passi’. Delusi, invece gli autonomisti che speravano di raggiungere il 5% e dunque nell’accesso all’Ars che si è concluso con un nulla di fatto.
L’attenzione adesso si concentra all’interno sul crollo del Pd e sulla ripartizione dei seggi all’Ars per comprendere quanto sarà consistente il numero dei deputati considerato che Musumeci non avrà una completa maggioranza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook