Archiviato in | Spettacolo, Teatro

SUCCESSO DELLO SPETTACOLO “FARINELLI E IL RE” – INTERVISTA

SUCCESSO DELLO SPETTACOLO “FARINELLI E IL RE” – INTERVISTA

Farinelli e il Re è un’opera drammatica, che prende spunto da fatti realmente accaduti. Essa è ambientata in Spagna nell’arco temporale che va dal 6 settembre 1724 al 9 luglio 1746 ed è incentrata su due figure- per l’epoca- stravaganti: il nevrastenico re spagnolo Filippo V e il celebre cantante castrato Carlo Broschi, in arte Farinelli.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SUCCESSO DELLO SPETTACOLO “FARINELLI E IL RE” –

Sold out per l’opera teatrale  ‘Farinelli e il Re’ prodotta dal Teatro Stabile di Catania e messa in scena nella Sala Bellini del Palazzo Municipale di Catania. Considerato l’esiguo numero dei posti lo spettacolo è stato proiettato su uno schermo gigante posto in piazza Duomo.  La rappresentazione si è aperta con l’introduzione del regista Fabio Grossi, che ha realizzato un Concerto Studio, unendo il fascino del teatro a quello della musica.
Farinelli e il Re è un’opera drammatica, che prende spunto da fatti realmente accaduti. Essa è ambientata in Spagna nell’arco temporale che va dal 6 settembre 1724 al 9 luglio 1746 ed è incentrata su due figure- per l’epoca- stravaganti: il nevrastenico re spagnolo Filippo V e il celebre cantante castrato Carlo Broschi, in arte Farinelli.
L’interpretazione di Leo Gullotta, Filippo V, è semplicemente straordinaria: l’attore è riuscito a trarre la solitudine e la sofferenza di un sovrano provato dalla morte del figlio, dalla depressione che lo ha colpito, dall’essere diventato monarca all’età di diciassette anni per volere del nonno Re Sole, mettendo, però, in rilievo anche la comicità del personaggio stesso. D’effetto la scena iniziale in cui il re si ritrova a parlare con un pesciolino rosso, affermando di essere amato solo dal piccolo essere acquatico, in un gioco che si alterna tra un’amara risata e una disperata follia.
Emerge, poi, la figura di Isabella Farnese (Lucia Fossi), la quale decide di corrompere il nobile animo di Metastasio, il librettista del noto cantante Farinelli, per condurre quest’ultimo in Spagna. Metastasio dapprima rifiuta, fino a quando non scopre che a offrire il denaro è Sua Maestà.

La Regina riesce, quindi, a portare Farinelli (Mauro Racanati/attore) presso la corte spagnola per alleviare le sofferenze del sovrano e recuperare la sua posizione di Regina, dando prova della forza di una donna che non vuole rinunciare al suo ruolo; la forza di una moglie che sostiene il marito (che pur non si ama) e che supera qualsiasi difficoltà, anche con l’ausilio magico dell’arte e della musica. Ed è proprio la musica a regnare sovrana grazie alla voce sublime di Francesco Divito (Farinelli-cantante), accompagnata dalle note dei musicisti: Luca Ambrosio (direzione musicale e clavicembalo) , Francesco Musumeci (violino), Flavia Piluso (violoncello), Martina Scarpuzza (violino) – che ha coinvolto il pubblico in un’armonia di suoni e vocalizzi anche a cappella. Tra il sovrano e il giovane artista italiano nasce un’amicizia così forte da far confessare allo stesso Farinelli l’origine del suo dono, “regalatogli” dal fratello compositore quando il ragazzo aveva solo dieci anni.
Ed ecco che il talento di Farinelli vince il vuoto di potere e la malinconia del sovrano, facendogli (ri)provare l’amore per la vita, il desiderio di prendersi nuovamente cura del suo popolo.
Tuttavia, quando il morale del Re spagnolo si risolleva a poco a poco, il cantante castrato deve abbandonare la corte spagnola per ritornare a Vienna… E il povero Filippo V (nonché l’avvenente Isabella…) dovrà riprendere le redini della sua vita.
Un cast d’eccezione a iniziare da Leo Gullotta, artista camaleontico; Lucia Fossi, la quale ha interpretato il ruolo di una donna sensuale e di spiccata intelligenza; Mauro Recanati che è riuscito a entrare in sintonia con la voce soave del Divito, creando una straordinaria simbiosi. Un’opera che, seppur riadattata, ha un forte impatto sul pubblico, che ne rimane piacevolmente colpito.

Mauro Racanati, attore con la A maiuscola, ha fatto sognare i siciliani – insieme a un cast d’eccezione: Leo Gullotta, Lucia Fossi, Luca Iacono (Metastasio), Valerio Santi (Don Sebastian De la Cuadra), Federico Fiorenza  (Dottor Josè Cervie) – grazie all’opera Farinelli e il Re, in cui ha interpretato il ruolo del più noto cantante lirico castrato della storia. Di seguito una “fugace” intervista…

 -Quando hai deciso di intraprendere la carriera di attore? 

Avevo diciassette anni ed ero reduce dal film Titanic di Cameron. Avevo capito subito che il mestiere dell’attore era una possibilità piuttosto che un’esibizione. Il mio è un lavoro che dà la possibilità, a chi lo fa e a chi ne riceve i doni, di ricordarci quanto il coraggio renda una vita libera e quanto coccolare le proprie fragilità ti renda felice nonostante tutto

-Hai recitato con Leo Gullotta, un attore a 360*… ti ha un po’ messo in soggezione?

Leo è un artista vero. Ha la straordinaria capacità di avvicinarsi all’umano delle persone, addirittura delle cose. Un uomo concreto e poco vanitoso. Nessuna soggezione, ma uno scambio totale

-Recitare il ruolo di Farinelli ti ha dato qualche emozione? (Tu e F. Divito siete stati bravi nell’unire l’uomo e l’artista… Eravate in totale simbiosi!!)

L’attore Mauro Recanati – foto Daniele Butera

Beh… direi di sì!

-Ti rispecchi nella personalità di Farinelli? (Ti sei calato nei panni particolarmente bene!)

Con Farinelli abbiamo un tratto in comune molto importante:  quel grado di empatia, quella capacità di ascolto che permette di sentire il dolore dell’altro

-Hai lavorato sia in teatro che al cinema… Quale fra di essi ti affascina di più? 

Sono due linguaggi diversi. Nasco dal teatro, magari tra qualche anno saprò meglio.

-Cosa ti affascina della Sicilia? 

I volti dei siciliani sono segnati come in nessuna regione al mondo. Il disegno di una vita che reclama di essere vissuta al massimo delle possibilità.

-Quali sono i tuoi progetti futuri? 

È in uscita una fiction RAI con G. Tirabassi, intitolata L’Aquila- grandi speranze. Dopo un film per il cinema con A. Albanese e P. Cortellesi. Il 9 novembre a Giarre verrà presentato un corto di cui sono protagonista girato da un grande talento, Luca Arcidiacono, siciliano di Giarre. Al Riff di Roma verranno presentati due corti: Pastarelle e insetti con Alessandro Haber, entrambi diretti da Gianluca Manzetti. Infine girerò un corto con Roberto Ciufoli e sarò impegnato in teatro con Annalisa Canfora per un progetto rivolto ai ragazzi, Il piccolo Principe, al Caffeina di Viterbo.

-Sei schiavo della tua agenda?

Assolutamente NO

-Ti sei sentito apprezzato dal pubblico siciliano?

Moltissimo, trovo che sia un pubblico diretto

-Pensi di ritornare a esibirti in Sicilia? 

Assolutamente sì. Mi auguro di collaborare ancora con il Teatro Stabile di Catania.

Eleonora Bellina

2 Risposte a “SUCCESSO DELLO SPETTACOLO “FARINELLI E IL RE” – INTERVISTA”

  1. Marco Stracaro ha detto:

    Egr.gia Eleonora Bellina, in scena c’erano altri tre bravissimi attori professionisti, Federico Fiorenza, Luca Iacono e Valerio Santi, sarebbe stato corretto citarli. Soliti articoli con figli e figliastri?

  2. Redazione ha detto:

    Gentilissimo lettore, in merito a quanto da lei scritto vorrei precisare che i nomi degli attori non sono comparsi nel testo per un errore del sistema durante il trasferimento dello stesso su piattaforma internet. Dopo un attento controllo mi sono accorta che mancavano altre parti che ho integrato. La ringrazio per la sua pronta segnalazione che mi ha permesso di riportare il mio articolo nella versione integrale.

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook