Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRAFFICO GASOLIO, INTERCETTATA UN’ALTRA NAVE

TRAFFICO GASOLIO, INTERCETTATA UN’ALTRA NAVE

Un'imbarcazione battente bandiera del Togo è stata intercettata e fermata da una motovedetta della guardia di finanza nello spazio di mare davanti alla riserva di Vendicari. A bordo centomila chili di carburante.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TRAFFICO GASOLIO, INTERCETTATA UN’ALTRA NAVE –

Contrabbando tra la Libia e l’Italia: nuova operazione contro il traffico di carburante in Sicilia e il contrabbando. I militari della Guardia di Finanza di Siracusa hanno individuato la motonave “Grain M”, nello specchio di mare antistante la riserva naturale protetta di Vendicari. L’imbarcazione batteva bandiera del Togo. I militari delle unità navali delle Fiamme Gialle hanno accertato che a bordo cinque membri di equipaggio di nazionalità indonesiana. Il comandante non era stato in grado di esibire il manifesto di carico, un ingente quantitativo di carburante, tabacco e sigarette, privo di documentazione che attestasse la provenienza dei prodotti. Tre settimane fa la Procura di Catania aveva stato scoperto un altro maxitraffico di gasolio tra la Libia e l’Italia, e durante l’operazioneerano state arrestate nove persone.

I finanzieri della Compagnia di Siracusa, coordinati dal sostituto procuratore Vincenzo Nitti, hanno così scortato la motonave al Porto Grande di Siracusa, per la “visita doganale”.

A bordo, stipato in tre cisterne convenzionali, posizionate nella zona maestra della motonave e all’interno di una grossa cisterna, ricavata artigianalmente nella zona di sentina, sono stati scoperti 100 mila chili di carburante. Trovati anche 11 chili di tabacchi lavorati esteri e 31 mila euro circa, considerato provento della illecita attività di contrabbando di oli minerali.

il comandante dell’imbarcazione è stato sottoposto a fermo per contrabbando di oli minerali e di tabacchi lavorati esteri, nonché riciclaggio. I quattro componenti dell’equipaggio sono stati denunciati per favoreggiamento personale. Intanto, il Procuratore di Siracusa Francesco Paolo Giordano, ha disposto ulteriori indagini per individuare i canali di approvvigionamento del prodotto di contrabbando e i destinatari finali.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook