Archiviato in | Arte e Cultura, Mostre

CIRO PALUMBO INAUGURA LA MOSTRA ‘ISOLE MIGRANTI’ – INTERVISTE

CIRO PALUMBO INAUGURA LA MOSTRA ‘ISOLE MIGRANTI’ – INTERVISTE

Inaugurata la personale del pittore Ciro Palumbo. Catania è la Sicilia, terra generosa e ospitale, punto di approdo di uomini e donne in fuga da guerra e fame, ispirazione della nuova mostra del maestro Palumbo, intitolata: ‘Isole migranti’.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

INAUGURATA LA MOSTRA DI CIRO PALUMBO A CATANIA – INTERVISTE

Inaugurata a Catania la personale del maestro Ciro Palumbo che si protrarrà fino al 15 novembre e conta oltre 30 opere dell’artista torinese, distribuite nelle sale dello splendido Palazzo della cultura, in via Vittorio Emanuele II, nel centro della città. Presenti per l’occasione, gli organizzatori della manifestazione che rappresentano la società ‘Contea del Caravaggio’: la dott.ssa Maria Grazia Minio, i maestri d’arte Fabio D’Antoni, Giuseppe Santonocito e Massimo Ezio Costanzo; i critici d’arte Ivan Quaroni e Alessandra Radaelli; la presidentessa del museo ‘Telesia Museum’ di San Roberto (Rc); la scrittrice Melinda Miceli che tra i tanti riconoscimenti internazionali è stata nominata tre volte donna siciliana dell’anno, nel 2017 in carica come critico d’arte e letterario. Inserito in programma il concerto del chitarrista Agatino Scuderi che si è esibito con il ‘Guitar Trio’ assieme a Gloria Pafumi e Rossella Lavenia. Applauditissime le esecuzioni con musiche di Bach, Salinas, Sor, Cardoso, Piazzolla e Fernandez.

Le tele di Palumbo raccontano l’essere umano, solo nel mare della vita. Un mare a volte agitato e spaventoso, a volte sereno e di una bellezza struggente. Lo stesso mare che affrontano in questi anni i barconi carichi di siriani, libici, tunisini in cerca di un futuro diverso. Le stesse acque che sono state solcate, qualche lustro fa, dalle navi che hanno portato tanti siciliani, con i loro sogni, speranze e dolori, in America in cerca di fortuna.

Tutto è nato in Sicilia, dopo che l’Università di Messina aveva commissionato all’artista, quotato nel catalogo Mondadori, Bibbia dell’arte contemporanea italiana, una grande scultura simboleggiante l’isola migrante. Attorno a quest’opera si sono sviluppati tutti gli altri lavori, dove ritorna il tema della migrazione, già affrontato dall’artista. Migrazione che non è solo contemporaneità, ma fenomeno dalle origini remote. «Sin dall’antichità i popoli si spostano, contaminando altre culture e sprigionando nuove energie», commenta Palumbo.

Così nelle sue tele ricche di simbolismo, di isole che galleggiano in spazi dai colori spesso cupi, a volte brillanti, si scorgono barche che partono cariche di dolore, delusioni, ma anche aspettative e speranze. Ritornano i cipressi, intesi come simbolo di vita. I paesaggi sono surreali, metafisici. Ci sono tutti gli elementi cari all’autore. Le suggestioni del mito, del viaggio, dell’eroe e del sogno restano il filo conduttore.

Servizio video e montaggio Davide Sgroi

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook