Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALTANISSETTA, GIRO DI PROSTITUTE NEL CENTRO STORICO

CALTANISSETTA, GIRO DI PROSTITUTE NEL CENTRO STORICO

Due arresti e cinque denunce perché reclutavano giovani sudamericane da far prostituire.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CALTANISSETTA, GIRO DI PROSTITUTE NEL CENTRO STORICO –

La Guardia di finanza di Caltanissetta ha arrestato due persone, un italiano e una dominicana, nell’ambito di una indagine su un giro di prostituzione nel centro storico della città. I militari hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura. Mentre altre cinque sono indagate. I due arrestati, sono stati accusati di sfruttamento della prostituzione e sono ritenuti figure chiave di un sodalizio criminale composto da donne extracomunitarie e da italiani.

Gli investigatori della guardia di finanza hanno accertato che le donne avevano il compito di reclutare le giovani. Le donne erano per lo più sudamericane, da far prostituire, mentre gli italiani, tra cui anche una donna, avevano il compito di curare gli aspetti legati alla locazione degli immobili, alla pubblicazione degli annunci su quotidiani per attirare clienti e di accompagnare le giovani prostitute nei vari spostamenti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook