Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VIOLENTATA DAL GINECOLOGO A PALERMO

VIOLENTATA DAL GINECOLOGO A PALERMO

Primario dell'ospedale Villa Sofia-Cervello, Biagio Adile, avrebbe abusato due volte di una paziente tunisina di 28 anni. La donna avrebbe filmato l’atto con il cellulare.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VIOLENTATA DAL GINECOLOGO A PALERMO –

Ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti del ginecologo Biagio Adile, 65 anni. La polizia in servizio presso la Procura del tribunale per i minorenni di Palermo ha eseguito il mandato. Il professionista è accusato di violenza sessuale su una donna tunisina di 28 anni. Le indagini, coordinate dal pm Giorgia Righi e dall’aggiunto Ennio Petrigni, si sono anche avvalse della consulenza tecnica di un perito della Procura che ha estrapolato la registrazione che ha fornito riscontri alle accuse.

La donna ha raccontato di avere subito due atti di violenza, il primo presso lo studio del medico a Palermo e il secondo nell’ambulatorio dell’ospedale Villa Sofia-Cervello, dove Adile dirige l’unità di uro-ginecologia.

Durante le deposizioni della vittima che si sono tenute alla presenza di una psicologa e di un’interprete di lingua araba, la donna ha raccontato di soffrire di gravi problemi ginecologici che in Tunisia l’avevano costretta a subire ben tredici interventi chirurgici senza tuttavia ottenere validi risultati e di essersi per questo rivolta all’indagato.

nel dicembre del 2016, dopo il primo episodio di violenza nello studio privato, il professionista le avrebbe detto di fare anche un’ecografia gratuita presso un suo amico che lavorava in ospedale. La donna, sospettando che si sarebbe potuta ripetere la violenza, ha portato il cellulare per filmare la visita riprendendo così gli abusi. Gli investigatori indagano per accertare se il medico abbia violentato altre donne.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook