Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STRAGI ’92-’93, BERLUSCONI E DELL’UTRI INDAGATI

STRAGI ’92-’93, BERLUSCONI E DELL’UTRI INDAGATI

Dopo l'arrivo da Palermo delle intercettazioni dei colloqui di Graviano in carcere, riaperto a Firenze il fascicolo sui possibili mandanti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STRAGI ’92-’93, BERLUSCONI E DELL’UTRI INDAGATI –

Mentre il centrodestra torna a essere indicato come possibile vincitore della competizione elettorale siciliana, Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri sono nuovamente indagati dalla Procura di Firenze come possibili mandanti delle stragi di mafia del 1992 e 1993.

La Procura, titolare dell’inchiesta sulle stragi del ’92/’93, che già altre due volte aveva aperto un’inchiesta su Berlusconi (l’ultima archiviata nel 2011), ha ottenuto dal gip la riapertura del fascicolo a loro carico dopo aver ricevuto da Palermo le intercettazioni dei colloqui in carcere del boss di Cosa nostra Giuseppe Graviano, effettuate nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia.

Il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, scrivono i due quotidiani, ha delegato alla polizia giudiziaria lo svolgimento di verifiche. I nomi dell’ex premier e dell’ex senatore Dell’Utri, anche di lui (in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa) parlerebbe Graviano nelle intercettazioni, sono stati iscritti con intestazioni che dovrebbero coprirne l’identità, come nelle precedenti inchieste sui presunti mandanti nascosti delle stragi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook