Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MINORENNE PICCHIATO SELVAGGIAMENTE E TERRORIZZATO, ARRESTATI

MINORENNE PICCHIATO SELVAGGIAMENTE E TERRORIZZATO, ARRESTATI

Rapito, umiliato e sfregiato dal branco per un banale litigio presi quattro ragazzi a San Cataldo in provincia di Caltanissetta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MINORENNE PICCHIATO SELVAGGIAMENTE E TERRORIZZATO, ARRESTATI –

I Carabinieri di San Cataldo hanno arrestato quattro ragazzi, con età compresa tra 18 e 20 anni, accusati di aver rapito, picchiato e terrorizzato un minorenne dopo un banale litigio. Le accuse dei gip del tribunale ordinario e per i minori, che hanno firmato l’ordine di custodia in carcere, sono sequestro di persona aggravato e lesioni personali gravissime in concorso. Il ragazzo nel gennaio scorso fece ritorno a casa malconcio e con uno sfregio permanente sul viso e fu accompagnato in ospedale dai genitori che poi denunciarono l’episodio.

Il fatto è successo a San Cataldo paesino in provincia di Caltanissetta il 21 gennaio. La vittima mentre era in compagnia di altri due coetanei in un locale al centro del paese, in corso Unità d’Italia, dopo un diverbio per futili motivi con un maggiorenne venne preso da quest’ultimo, con l’aiuto di un altro minorenne (ora diciottenne), e con l’uso della forza condotto in un garage nelle vicinanze, di proprietà di un amico dell’aggressore. In quel luogo, il minore fu bloccato e picchiato da tre maggiorenni e dal coetaneo minorenne. Secondo i carabinieri, il brutale pestaggio durò circa trenta minuti: il ragazzo fu umiliato, con tanto di richiesta di baciare le scarpe agli aggressori: poi fu colpito ripetutamente con calci e pugni. I quattro aggressori furono fermati dall’intervento di due loro amiche. La vittima fu lasciato libero dopo essere stato minacciato di morte nel caso avesse denunciato l’aggressione. Tre giovani coinvolti nel pestaggio sono agli arresti domiciliari, mentre il quarto, all’epoca minorenne, è stato tradotto in una comunità.

 

 

 

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook