Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

EDITORE MESSINESE IN MANETTE PER FRODE

EDITORE MESSINESE IN MANETTE PER FRODE

Il fondatore del settimanale Centonove, Vincenzo Basso accusato di aver falsato i bilanci.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

EDITORE MESSINESE IN MANETTE PER FRODE –

I militari della Guardia di Finanza di Messina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per il giornalista ed editore Vincenzo Basso, 56enne fondatore del settimanale Centonove. Per altre tre persone accusate di bancarotta fraudolenta, falso in bilancio e frode fiscale è stato applicato l’obbligo di presentazione alla p. g. Il gip ha inoltre disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente dei conti correnti, dei beni aziendali, delle quote di capitale e delle azioni intestate all’ultima delle società creata dagli indagati.

Secondo gli investigatori della Gdf, gli indagati, tutti soci, amministratori e dipendenti di 8 società del settore  dell’editoria create nell’ultimo decennio, si sono resi autori di ripetute irregolarità nella redazione dei bilanci al fine di occultarne lo stato di crisi, simulando, in tal modo, una solidità patrimoniale inesistente che consentiva di beneficiare di ulteriori finanziamenti che poi non venivano saldati.

Per gli inquirenti: «il collaudato modus operandi, elaborato e gestito da Basso, consisteva nel creare società ad hoc, che venivano gravate di oneri connessi alla titolarità di importanti testate giornalistiche edite nella provincia di Messina, indebitate con l’erario e con gli istituti previdenziali e successivamente messe in liquidazione con il contestuale spostamento della gestione della testata ad altre imprese”. Secondo l’accusa, gli indagati: «ricorrevano a società cooperative per garantirsi il godimento di rilevanti agevolazioni fiscali previste per questa forma societaria».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook