Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SOFFOCATA NEL SONNO, ARRESTATO IL MARITO

SOFFOCATA NEL SONNO, ARRESTATO IL MARITO

Gaetano Barra, 61 anni, il 13 agosto scorso aveva denunciato la morte naturale della moglie Maria Visalli di 71 anni. I risultati dell'autopsia sono stati determinati. E’stato arrestato a disposizione dei magistrati.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SOFFOCATA NEL SONNO, ARRESTATO IL MARITO –

La polizia di Catania ha arrestato Gaetano Barra, 61 anni per aver ucciso la moglie Maria Visalli, 71 anni, nella notte tra il 12 e 13 agosto scorsi. L’uomo aveva detto che la donna era andata a letto con febbre alta e vomito e l’indomani, intorno alle 6, s’era accorto che non respirava. Nonostante questo aveva continuato a dormire fino alle 13.30, prima di chiamare la sorella e il 118. Barra spiegò il suo comportamento dicendo che si era stancato di accudire la moglie. Secondo i risultati investigativi morta per soffocamento. L’autopsia del cadavere ha dato una svolta alle indagini che accusano Barra, ma anche da intercettazioni ambientali e dal racconto della sorella dello stesso. La ricostruzione dell’indagato è che la moglie la sera prima si era sentita male, aveva la febbre alta, ma non riusciva ad assumere farmaci oralmente a causa di un forte difficoltà nella deglutizione.

Il marito ha detto che la moglie respirava male e rigurgitava liquidi scuri. Nonostante la gravità dello stato di salute della congiunta, Barra racconta alla polizia di Stato di essersi regolarmente addormentato, fino alle 6 dell’indomani mattina. Una volta controllato le condizioni della moglie, che sembrava non respirare più, invece di chiedere aiuto, spiega alla squadra mobile della Questura, avrebbe deciso comunque di proseguire a dormire. Solo verso le 13.30 si risveglia definitivamente e contatta sua sorella per riferirle la situazione. La donna, prima di andare a casa del fratello, chiama il 118. Per i medici del primo soccorso era stata una morte naturale, sopraggiunta 6-8 ore prima del loro intervento.

Barra ha spiegato alla polizia di Stato di non avere chiamato lui i soccorsi perché si “era stancato per un lungo periodo di assistenza alla moglie da solo”. Dopo aver constatato delle anomalie nel racconto del marito rilevate dagli investigatori della squadra mobile, la Procura della Repubblica di Catania ha deciso di disporre l’autopsia della donna. Dall’esame è emerso che la morte poteva essere dovuta a «una compressione della regione cervicale e toracica, posta in essere verosimilmente con interposizione di un mezzo soffice (lenzuola, coperte, cuscino)». Sebbene non siano emersi elementi rilevanti, dai servizi di intercettazione, si è rilevato che l’uomo avesse provato a costruire una versione dei fatti a propria discolpa, nel tentativo di fornire una spiegazione legata al suo comportamento. Su disposizione del Gip, Barra è stato condotto in carcere con l’accusa di omicidio con l’aggravante di avere commesso il fatto approfittando della minorata difesa della donna.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook