Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FAVIGNANA, SEGANO LE SBARRE DEL CARCERE ED EVADONO

FAVIGNANA, SEGANO LE SBARRE DEL CARCERE ED EVADONO

I tre detenuti hanno segato le sbarre e si sono calati con le lenzuola, poi sono scappati. Tra i fuggitivi un ergastolano.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FAVIGNANA, SEGANO LE SBARRE DEL CARCERE ED EVADONO –

Stanotte poco dopo le ore 3, tre uomini sono evasi dal carcere dell’isola di Favignana. La notizia è stata confermata dalla direzione del penitenziario. I tre hanno segato le sbarre della cella e sono saliti sul tetto del reparto e con delle lenzuola utilizzate come funi sono arrivati sul muro di cinta. Con le stesse lenzuola, poi, si sono calati sulla strada e sono fuggiti via.
Tra i fuggitivi vi è anche un ergastolano condannato per omicidio: Adriano Avolese, 36 anni originario di Pachino, in provincia di Siracusa. Gli altri due sono di Vittoria (Ragusa): Giuseppe Scardino, 39 anni, e Massimo Mangione, 37 anni, che avrebbero dovuto finire di scontare la pena nel 2032 e nel 2037.

In un primo momento si era pensato che il mare agitato potesse aver impedito ai tre di lasciare l’isola, controlli sono stati effettuati all’imbarcadero di aliscafi e traghetti. Ma secondo fonti del Dap, si ha motivo di ritenere che i detenuti abbiano già raggiunto la terraferma.

Il direttore del carcere di Trapani e responsabile anche della struttura di massima sicurezza di Favignana, Renato Persico, spiega che il penitenziario non ha vigilanza sul muro di cinta. Attualmente sono ospitati 46 detenuti, tutti ubicati al secondo piano del carcere perché il primo non è in funzione.

Il primo a dare la notizia dell’evasione, sia pur sotto forma di indiscrezione, il sindacato autonomo della polizia penitenziaria Sappe che giudica quanto accaduto: «un evento irresponsabile e gravissimo, per il quale sono già in corso le operazioni di polizia dei nostri agenti per la cattura degli evasi».
Il segretario generale del sindacato, Donato Capece spiega: «La sicurezza interna delle carceri – aggiunge – è stata annientata da provvedimenti scellerati». E ancora Capece aggiunge: «Nei primi sei mesi del 2017 si sono verificate nelle carceri italiane 6 evasioni da istituti penitenziari, 17 da permessi premio e di necessità, 11 da lavoro all’esterno, 11 da semilibertà e 21 mancati rientri di internati».

 

Una risposta a “FAVIGNANA, SEGANO LE SBARRE DEL CARCERE ED EVADONO”

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] Stanotte poco dopo le ore 3, tre uomini sono evasi dal carcere dell’isola di Favignana. La notizia è stata confermata dalla direzione del penitenziario. I tre hanno segato le sbarre della cella e sono saliti sul tetto del reparto e con delle lenzuola utilizzate come funi sono arrivati sul muro di cinta. Con le stesse lenzuola, poi, si sono calati sulla strada e sono fuggiti via. Tra i fuggitivi vi è anche un ergastolano condannato per omicidio: Adriano Avolese, 36 anni originario di Pachino, in provincia di Siracusa. Gli… [leggi su informasicilia.it] […]


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook