Archiviato in | Politica, Politica Regionale

GRASSO ABBANDONA IL GRUPPO PD AL SENATO

GRASSO ABBANDONA IL GRUPPO PD AL SENATO

Dopo la decisione di lasciare il partito democratico, il presidente del Senato Pietro Grasso sarà iscritto al Gruppo misto. In una sua dichiarazione ha detto: «Non mi riconosco più nel partito».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GRASSO ABBANDONA IL GRUPPO PD AL SENATO –

Il presidente del Senato Pietro Grasso ha rassegnato le proprie dimissioni dal gruppo del Pd e ai sensi del Regolamento sarà iscritto d’ufficio al Gruppo misto del Senato. Come si è appreso, Grasso, avrebbe deciso di lasciare il gruppo Dem perché non si riconoscerebbe più né sul merito, né con i metodi usati dal partito che è arrivato tra l’altro a chiedere ben 8 voti di fiducia sulla legge elettorale. In merito alla vicenda il presidente del Senato ha sottolineato: «La verità, in questi giorni, mi è apparsa in tutta la sua evidenza, ormai io non condivido più la linea di questo Pd”. E ancora: “Se non fossi stato il presidente del Senato non avrei votato né la legge elettorale, né tantomeno la fiducia”.

Così in un’intervista a Repubblica, la seconda carica dello Stato,  dopo aver lasciato il gruppo Pd per effetto dell’approvazione di una legge, il Rosatellum, che non approva e che ha votato solo per rispetto delle istituzioni puntualizza: «Politicamente e umanamente la misura è colma Io non mi riconosco più nel merito e nel metodo di questo Pd. Assisto a comportamenti che imbarazzano le istituzioni e ne minano la credibilità e l’indipendenza, non mi riconosco nemmeno nelle sue prospettive future».

«La mia è una scelta sofferta, ma è l’unica che possa certificare la distanza, umana e politica, da una deriva che non condivido». Prosegue dicendo: «Quando mi sono candidato nel Pd riconoscevo principi, valori e metodi condivisi, che si sono andati disperdendo nel corso degli anni». Continuando l’intervista e in merito alla condotta del partito che ha tenuto: «comportamenti che imbarazzano le istituzioni e ne minano la credibilità e l’indipendenza». Il presidente Grasso non si pronuncia in merito alle prossime decisioni: «Per il futuro vedremo. In una decisione come la mia non contano certo le poltrone. E per me, non sono mai contate».

Con questa decisione, l’ex magistrato siciliano avrebbe voluto prendere le distanze da un partito che non sembrerebbe più avere in grande considerazione il ruolo del Parlamento. Dai tempi della riforma costituzionale, Grasso non si è mai tirato indietro in quelle che sono state le sue responsabilità, anche quando si è trattato di prendersi degli insulti, ma probabilmente adesso la misura potrebbe essere colma.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook