OPERAI INDOTTO ENI PROTESTANO A GELA

OPERAI INDOTTO ENI PROTESTANO A GELA

Indetto un altro presidio dei lavoratori rimasti fuori dal processo di riconversione degli impianti di Gela. Gli operai denunciano il mancato rispetto degli accordi. Francesco Cacici, segretario provinciale Ugl: «Ci sono persone che lavorano qui dal 1980 e che hanno tra i 55 anni e i 60 anni: ma dove dovrebbero andare?». «Si sono dimenticati di noi e ci impongono la precarietà».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OPERAI INDOTTO ENI PROTESTANO A GELA –

Questa mattina nuova protesta degli operai dell’indotto della Raffineria di Gela, si sono radunati davanti agli ingressi del Palazzo di Vetro ENI. Francesco Cacici, neoeletto segretario provinciale Ugl metalmeccanici con un po’ di tensione spiega i motivi del presidio: «Eravamo una ventina di persone e ci siamo riuniti davanti i cancelli dell’Eni per far vedere la nostra presenza. Si sono dimenticati di noi, degli operai dell’indotto. Abbiamo provato a contattare qualcuno dell’azienda, ma ci hanno fatto sapere che con noi non volevano parlare». ancora Cacici spiega: «Abbiamo ricordato anche a loro che esiste un bacino di disponibilità che non viene rispettato. È un protocollo firmato dalle istituzioni e dall’azienda, nel quale c’è la lista di chi dovrebbe avere la priorità nelle nuove assunzioni. Ci sono persone che lavorano qui dal 1980, che hanno tra i 55 e i 60 anni. Dove dovrebbero trovare un altro lavoro?».

Foto di repertorio

Qualche giorno addietro, i sindacati confederali avevano denunciato il processo di precarizzazione all’interno dell’ex stabilimento petrolchimico. Un fenomeno sempre più diffuso, soprattutto dopo la firma del protocollo d’intesa del 6 novembre 2014 che ha sancito la cosiddetta riconversione degli impianti. Una riconversione che per molti operai dell’indotto ha significato il passaggio forzato dai contratti nazionali e dalle tutele ad esse correlate alla precarizzazione dei nuovi contratti figli del Jobs Act. I segretari provinciali dei metalmeccanici Fiom, Fim e Uilm sono intervenuti sotolineando che: «Oramai molte aziende dell’indotto non applicano integralmente i contratti nazionali e preferiscono appoggiarsi alle società di lavoro interinale. Così i contratti vengono rinnovati di mese in mese e i lavoratori non hanno alcuna certezza. Decine di operai, usciti dal ciclo produttivo di Eni, non sono stati più riassorbiti, violando gli accordi sottoscritti».

I segretari Orazio Gauci, Angelo Sardella e Nicola Calabrese hanno chiesto un incontro ufficiale agli imprenditori di Sicilindustria. A settembre Eni con una nota comunicava che: «nel 2017 i dati dei primi sette mesi dell’anno mostrano che il livello di occupazione dell’indotto ha superato in media i 1.450 lavoratori rispetto ai mille previsti nel protocollo, con un trend in crescita da gennaio a giugno, mese nel quale si è raggiunta la cifra record di circa 1.600 unità». Quindi, si assumono lavoratori, ma per poco tempo e selezionando rigorosamente chi entra e chi no. Ancora una volta la denuncia parte da Cacici: «Conosco colleghi che hanno lavorato dentro la raffineria per due-tre settimane in tre anni. La durata di un cantiere e poi via, a casa. Qui c’è gente che sa morendo di fame».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook