Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GUIDAVA FALSA FERRARI, DENUNCIATO

GUIDAVA FALSA FERRARI, DENUNCIATO

Un uomo di 52 anni di Scicli aveva modificato una Toyota con accessori della prestigiosa casa di Maranello.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GUIDAVA FALSA FERRARI, DENUNCIATO –

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Ragusa hanno bloccato un cinquantaduenne titolare di un’agenzia di eventi. L’uomo è stato fermato per un controllo da militari della Tenenza di Modica mentre guidava un’auto che aveva ‘modificato artigianalmente’ alla quale erano stati apposti i loghi del Cavallino Rampante. Esibita la carta di circolazione della vettura è emerso che il telaio originario era di una “Toyota MR2” poi modificato nella carrozzeria e negli accessori esterni per renderla simile a una Ferrari: adesivi e parti meccaniche originali come cerchi, pinze freno, cofano anteriore e posteriore, passaruota e volante erano stati sostituiti con quelli in dotazione alle auto del Cavallino Rampante.
Circostanza confermata anche dai periti della casa automobilistica di Maranello. L’auto è stata sequestrata e il proprietario denunciato alla Procura di Ragusa per l’utilizzo, senza autorizzazione, di marchi di fabbrica registrati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook