REGIONE DIMEZZA CONTRIBUTO A 4 COMUNI IN DISSESTO, PERSONALE A RISCHIO

REGIONE DIMEZZA CONTRIBUTO A 4 COMUNI IN DISSESTO, PERSONALE A RISCHIO

In merito alla vicenda, Clara Crocè, segretaria della Fp Cgil Sicilia interviene: «il contributo non può essere frazionato, deve invece essere rapportato al numero dei dipendenti in soprannumero, quindi rimpinguato dalla Regione per evitare gravi problemi ai comuni, ai lavoratori e le conseguenti tensioni sociali».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE DIMEZZA CONTRIBUTO A 4 COMUNI IN DISSESTO, PERSONALE A RISCHIO –

Denuncia della Fp pubblica Cgil siciliana, che ha già chiesto un incontro all’assessorato delle Autonomie locali «per trovare soluzioni al problema». Infatti, Il finanziamento disposto dalla Regione per coprire il costo del personale in esubero di quattro comuni siciliani in dissesto finanziario (Tortorici, Ispica, Scaletta Zanclea, Mirabella Imbaccari) è «insufficiente rispetto alle esigenze, cosa che creerà una situazione ingestibile da parte dei Comuni e sta già determinando un grave clima di tensione tra personale in esubero e precari questi ultimi finanziati al 100%».

La disposizione della Regione pone a rischio il personale stabile dei comuni, quello assunto in base a regolare concorso, i cui costi non sarebbero coperti a fronte, invece, della copertura dei costi per il personale precario. Il paradosso, dunque, è che i precari diventano più garantiti degli assunti.

Clara Crocè, segretaria della Fp Cgil Sicilia interviene nella vicenda spiegando: «I comuni in questione hanno fatto richiesta per 7.173.985 euro per il triennio 2017/2019, ottenendone meno della metà, circa 3.000.000. Con questa operazione l’amministrazione regionale di fatto precarizza il personale di ruolo. Inoltre sempre la Crocè a nome del sindacato sottolinea: «mancano di fatto all’appello oltre 4 milioni di euro. Ci chiediamo cosa accadrà, se non si trova subito una soluzione, al personale di ruolo parzialmente finanziato». Nella nota si specifica che: «I Comuni hanno formulato le loro richieste sulla base dei prospetti della circolare in materia (9/2017). E’ la normativa regionale di riferimento a prevedere il ‘contributo in ragione del costo di ogni dipendente’. Conclude la Crocè: «E’ quindi chiaro che il contributo non può essere frazionato, deve invece essere rapportato al numero dei dipendenti in soprannumero, quindi rimpinguato dalla Regione per evitare gravi problemi ai comuni, ai lavoratori e le conseguenti tensioni sociali».

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook