STABILIZZAZIONE PRECARI, TORNA IL PROBLEMA ALLA REGIONE

STABILIZZAZIONE PRECARI, TORNA IL PROBLEMA ALLA REGIONE

Il Cobas Codir contesta con forza a Baccei e Crocetta ancora una volta le: «modalità e tempi scelti per scatenare vere e proprie guerre tra poveri senza che, peraltro, ce ne fosse alcuna ragione, scegliendo il momento elettorale per emulare il classico cliché del voto di scambio».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STABILIZZAZIONE PRECARI, TORNA IL PROBLEMA ALLA REGIONE –

Mancano due settimane alle elezioni e si ripresenta il problema precari. La questione torna sul tavolo e la magagna ‘atti di stabilizzazione’ si ripropone ai politici regionali. Infatti, il Cobas Codir contesta con forza a Baccei e Crocetta ancora una volta: «modalità e tempi scelti per scatenare vere e proprie guerre tra poveri senza che, peraltro, ce ne fosse alcuna ragione, scegliendo il momento elettorale per emulare il classico cliché del voto di scambio».

I responsabili del sindacato con una nota sottolineano che: «La smania di raccattare voti dal disagio dei precari ha fatto perdere di vista all’agonizzante governo, che tali operazioni vanno condotte nel pieno rispetto dei diritti degli interessati ma anche nel rispetto dei principi costituzionali e contabili, nonché tenendo conto del fatto che – prima di nuove immissioni di personale negli organici – buon senso e logica, vorrebbero che si valorizzasse il personale che già c’è». Fanno notare ancora che: «E’ il caso di tutti i dipendenti regionali di ruolo del comparto non dirigenziale della Regione siciliana che, ormai da qualche anno, attendono un indispensabile processo di riclassificazione utile a una loro più efficace e moderna utilizzazione oltreché un dovuto riconoscimento alla carriera bloccata da quasi 30 anni».

E ancora sottolineano: “Questo processo di stabilizzazione, invece, messo in piedi in fretta e furia da un governo dalle sembianze circensi, null’altro è, in realtà, che l’applicazione della cosiddetta legge Madia in materia di stabilizzazioni che, approvata dal governo nazionale, prevede un percorso ancora lungo e tortuoso che presumibilmente durerà quattro o cinque anni e consentirà le prime stabilizzazioni non prima di un anno. A ciò si aggiunga il rischio concreto (mal celato dagli addetti) che molti di questi precari possano addirittura perdere il posto a causa delle selezioni pubbliche cui dovranno sottoporsi. Si tratta di coloro che non ‘dimostrino di essere stati reclutati a tempo determinato con procedure concorsuali anche espletate presso amministrazioni pubbliche diverse da quelle che procede all’assunzione’». Continuano i responsabili: «Alle selezioni potranno partecipare – con varie riserve di legge – anche semplici cittadini o dipendenti di ruolo. Ci sembra, inoltre, ingiusta, a questo punto, anche l’esclusione da questo processo di ex precari storici come il personale dei cosiddetti bacini culturali (ex catalogatori). Questa operazione sarà, comunque, gestita dal nuovo governo che uscirà vincente dalle prossime elezioni del 5 novembre e che potrebbe intervenire anche sulla materia, apportando eventuali modifiche e rinvii a quanto oggi avviato in questo scorcio di fine legislatura». Secondo i rappresentanti sindacali andrebbero stabilizzati subito nei ruoli i precari diretti della Regione che sono 58 (37 in fascia A e 21 in fascia B) mentre per gli altri va avviato il percorso con la collocazione in Resais, la partecipata regionale già usata in passato, ma la vicenda non sembra si possa attuare con semplicità.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook