Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PORTO DI CATANIA, POLIZIA TROVA LIQUAMI PERICOLOSI

PORTO DI CATANIA, POLIZIA TROVA LIQUAMI PERICOLOSI

Controlli a cantieri navali al porto di Catania. Gravi irregolarità e alto rischio ambientale in due società.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PORTO DI CATANIA, POLIZIA TROVA LIQUAMI PERICOLOSI –

La polizia al porto di Catania durante dei controlli ha individuato gravi irregolarità all’interno di due cantieri navali. Nella prima azienda sono state notate delle ampie macchie di liquami (olio e grasso) sul sedime portuale, rifiuti mal gestiti, e alcuni lavoratori intenti a effettuare saldature senza le dovute protezioni. Nelle vicinanze, oltre a un’elevata quantità di materiale ferroso ed elettrico in pessimo stato di conservazione, in parte arrugginito e impregnato di olio e grasso da motore che fuori uscivano non bonificati. Inoltre sono stati trovati batterie dismesse, pneumatici usati, bidoni riciclati con all’interno liquidi da motore ancora non analizzati e altri rifiuti pericolosi.

Buona parte di questi liquidi erano sparsi in terra, e si presume che nel tempo sarebbero stati assorbiti dal suolo. Inoltre la pendenza del sedime portuale in direzione del mare avrebbe potuto determinare, in caso di pioggia, il versamento dei rifiuti direttamente in mare, con alto rischio ambientale.

Durante l’ispezione gli agenti hanno chiesto al titolare del cantiere spiegazioni sullo stato dei materiali, egli ha riferito di non avere ancora provveduto a smaltire gli scarti pericolosi per negligenza. Al termine delle verifiche il proprietario è stato indagato e i rifiuti sono stati sequestrati.

Poi il personale di polizia ha effettuato un controllo in un altro cantiere navale dove sono stati sorpresi due dipendenti intenti a effettuare lavori di saldatura senza i prescritti dispositivi di sicurezza.  Inoltre durante gli accertamenti è stata individuata un’invasatura in acciaio di circa 12 metri quadri, lasciata da diversi mesi senza la prevista autorizzazione. Il titolare di quest’ultima impresa si è giustificato affermando di non avere uno spazio dove tenerla. Anche quest’ultimo è stato denunciato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook