Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TURBATIVA D’ASTA, SINDACO DI PRIOLO AGLI ARRESTI DOMICILIARI

TURBATIVA D’ASTA, SINDACO DI PRIOLO AGLI ARRESTI DOMICILIARI

Appalti pilotati, arrestato sindaco di Priolo, Antonello Rizza. Era nella lista degli impresentabili candidati alla regione che il M5s aveva messo in evidenza. Rizza è candidato alle regionali con Fi a sostegno del centrodestra. L’accusa è truffa ai danni del Comune e stato posto ai domiciliari. Coinvolti nell’inchiesta anche un funzionario e un imprenditore.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TURBATIVA D’ASTA, SINDACO DI PRIOLO AGLI ARRESTI DOMICILIARI –

Antonello Rizza, sindaco di Priolo comune in provincia di Siracusa, candidato alle prossime elezioni regionali con Fi è stato posto agli arresti domiciliari con l’accusa di truffa, tentata truffa e turbativa d’asta dalla polizia.  Era nella lista degli “impresentabili” presentata dal M5s all’Antimafia. La polizia avrebbe scoperto una gestione illecita degli appalti al Comune di Priolo. Le indagini, coordinate dal dirigente del commissariato Fabio D’Amore, sono scattate nella seconda metà del 2016, e riguardano tre episodi di “turbata libertà degli incanti e turbamento del procedimento di scelta del contraente in relazione alla segnalazione di persone vicine al sindaco” per l’affidamento di appalti del Comune.
Il provvedimento è stato firmato dal gip del tribunale, Giuseppe Tripi, su richiesta della Procura della Repubblica al termine dell’operazione “Res Publica”. L’indagine ha appurato un «consolidato sistema di illegalità diffuso all’interno e all’esterno dell’amministrazione comunale priolese», scrive il gip, finalizzato al «condizionamento e alla prevaricazione per il perseguimento illecito di finalità di tipo personale e clientelare».
Il Gip ha disposto anche l’obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria per Salvatore Cirnigliaro, dirigente del Settore sport e spettacolo del Comune di Priolo Gargallo accusato anch’egli in concorso di turbata libertà degli incanti; Francesco Artale, imprenditore e amministratore della “Indie Sound Music sas”, per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, truffa aggravata e frode nelle pubbliche forniture; Flora La Iacona, dirigente del settore Pubblica Istruzione del Comune di Priolo Gargallo, che all’epoca dei fatti era dirigente del settore Politiche Sociali per il reato di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e truffa aggravata. Per Artale e Sebastiano Carpinteri, uno dei 14 indagati nell’inchiesta, disposta la misura cautelare del sequestro preventivo, rispettivamente per 15 mila 461euro in relazione alle condotte di truffa e frode e per 86 mila 278 euro per truffa ai danni del Comune in relazione alla gestione della piscina comunale.
secondo l’accusa, episodi di truffa ai danni del Comune sono stati commessi in concorso tra sindaco, indagato anche per tentata concussione, un funzionario comunale e un imprenditore, per l’acquisto di beni tramite la Consip con codici alterati per consentire all’imprenditore la vendita dei beni ad un prezzo maggiorato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook