Archiviato in | Musica, Spettacolo

APPLAUDITA LA PRIMA DEL DON GIOVANNI AL BELLINI DI CATANIA – INTERVISTE

APPLAUDITA LA PRIMA DEL DON GIOVANNI AL BELLINI DI CATANIA – INTERVISTE

Don Giovanni è un personaggio che continua ad affascinare il pubblico nella sua complessa attualità e che ha attirato le attenzioni del pubblico presente l'opera musicale di Wolfgang Amadeus Mozart con libretto di Lorenzo Da Ponte andato in scena ieri e che resterà in cartellone fino a venerdì 20 ottobre.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

APPLAUDITA LA PRIMA DEL DON GIOVANNI AL BELLINI – INTERVISTE

Successo della prima del Don Giovanni che ha inaugurato la stagione lirica del Teatro Bellini di Catania e che ritorna ad essere rappresentato dopo 11 anni. Don Giovanni è un personaggio che continua ad affascinare il pubblico nella sua complessa attualità e che ha attirato le attenzioni del pubblico presente l’opera musicale di Wolfgang Amadeus Mozart con libretto di Lorenzo Da Ponte andato in scena ieri e che resterà in cartellone fino a venerdì 20 ottobre. L’Orchestra del Teatro Massimo Bellini diretta dal giovane e bravo maestro Salvatore Percacciolo che la dirige, sono impeccabili sotto tutti i punti di vista. L’allestimento scenografico del Teatro della Fortuna di Fano con sovratitoli in italiano e inglese è essenziale e ben assemblato e propone un prolungamento del palco verso la platea sul quale si muovono e interagiscono talvolta i vari personaggi. L’Orchestra, sapientemente diretta da Percacciolo, ha riprodotto così con un suono piacevolmente ovattato che ha fatto onore agli strumentisti che hanno interpretato le loro parti a livelli invidiabili. Perfetta anche l’interpretazione del Maestro al cembalo, Paola Selvaggio. Ottima performance  del coro diretto del Maestro, Gea Garatti Ansini.

Un allestimento che nel suo complesso ha privilegiato, soprattutto nella regia di Francesco Esposito, la dimensione “giocosa e licenziosa” del Don Giovanni: una lettura inserita nel più naturale contesto settecentesco in cui venne concepita l’opera, ma che lascia un pò l’amaro in bocca ai tanti che sono abituati a una lettura del Don Giovanni dai toni più cupi e tenebrosi interpretati dal Romanticismo in poi. Evidente questa scelta anche nel finale: luci rosse sullo sfondo con le ombre che appaiono enormi, evocano i demoni, tuttavia, Don Giovanni non viene risucchiato dall’inferno ma fugge attraverso la platea eludendo le aspettative, spegnendo e quasi ridicolizzando la partecipazione emotiva dello spettatore.

Ottimo il Leporello di Gabriele Sagona che è il vero collante fra i vari personaggi: bravo nell’interpretazione canora anche grazie a una dizione molto curata, perfetta l’intesa attoriale con il pubblico in un sapiente gioco di sguardi e ammiccamenti. Annamaria Dell’Oste nei panni di Donna Anna, ci offre l’interpretazione più mozartiana di tutti i personaggi di questo allestimento trascinando gli altri interpreti nel proprio dramma, grazie alla sua voce limpida e alla ferma impostazione degli acuti: prova ne sia la perfetta esecuzione dell’aria finale.

Il giovane Vittorio Prato ha offerto un Don Giovanni fresco e smaliziato, si muove bene nella partitura interagendo ottimamente con i personaggi. Il Commendatore di Francesco Palmieri è forse il personaggio che tutti si aspettano di vedere: maestoso e con una voce tonante che sembra uscire dai più profondi recessi della terra.

Francesco Marsiglia, nei panni di Don Ottavio da il meglio in “Dalla sua pace” con una interpretazione che sottolinea le varie sfumature senza enfasi eccessive, mentre l’interpretazione di Donna Elvira, Diana Mian (che all’ultimo momento ha sostituito Esther Andaloro) risulta incisiva e altisonante. Il Masetto di Giulio Mastrototaro e la Zerlina di Manuela Cucuccio se la intendono alla grande: Mastrototaro è ottimo nelle vesti di un Masetto arrabbiato e ottuso, mentre la Cucuccio sfodera il meglio di sé nelle parti più maliziose, quasi fosse un ‘Don Giovanni’ mancato al femminile.

Opera realizzata con eleganza e con una eccezionale aderenza al testo e alla musica. D’impatto il sestetto finale che ripropone quella primigenia andata in scena per la prima volta al Teatro degli Stati Generali di Praga il 29 ottobre 1787. Contemporanei e trascinanti gli effetti luce sul palco. Ottima la scelta del Regista di portare i personaggi tra il pubblico, offrendo così ai presenti la reale sensazione di trovarsi all’interno della storia e della scena.

Mariagrazia Minio

foto Fabio Dantoni

servizio video e montaggio Davide Sgroi

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook