Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

REGIONE, 35MLN IMPIEGATI MALE PER FORMATORI

REGIONE, 35MLN IMPIEGATI MALE PER FORMATORI

I formatori pagati per non fare nulla, 35 milioni di fondi europei buttati: inchiesta dalla procura della Corte dei Conti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE, 35MLN IMPIEGATI MALE PER FORMATORI –

Secondo la procura regionale della Corte dei conti, 35 milioni di euro di fondi europei e statali sono stati impiegati male. Sono finanziamenti che la Regione Siciliana nel 2014 ha speso per assumere per alcuni mesi 1.800 ex sportellisti Ciapi che avrebbero dovuto formare i cassaintegrati e invece no facevano nulla.
I finanzieri che hanno fatto le indagini sono andati al Ciapi (Centro Interaziendale addestramento professionale integrato) e hanno trovato gli sportellisti che rispondevano che non avevano materiale e che dalla direzione non avevano avuto alcuuna indicazione. IL progetto prevedeva che con questi 35 milioni di euro sono stati spesi per la formazione e il sostegno al reinserimento nel mondo del lavoro di 9 mila cassaintegrati.
La procura regionale della Corte dei conti ha appena inviato gli inviti a dedurre a tutti i componenti della giunta che nel 2013 hanno approvato il progetto “Spartacus”, quello che doveva rilanciare il Ciapi lasciato senza soldi dal meccanismo Giacchetto e da altre frodi. Un rilancio fasullo, a quanto pare.
La Corte contesta un danno di circa 20 milioni di euro all’ex dirigente del Lavoro Anna Rosa Corsello e all’allora assessore, Ester Bonafede. Gli altri “indagati” sono tutti i componenti di quel governo: Rosario Crocetta, Nino Bartolotta, Luca Bianchi, Lucia Borsellino, Dario Cartabellotta, Mariella Lo Bello, Nicolò Marino, Nelli Scilabra, Michela Stancheris, Patrizia Valenti e Linda Vancheri. Oltre al dirigente del Ciapi, Egidio Ortisi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook