Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RUBAVANO CAMION E ATTREZZATURE EDILI, ARRESTATI

RUBAVANO CAMION E ATTREZZATURE EDILI, ARRESTATI

Bloccata una banda di ladri catanesi che compivano furti a numerose aziende siciliane, alcune ridotte sul lastrico per l’ingente danno. Sono stati effettuati 17 arresti. Durante le loro discussioni usavano un linguaggio in codice.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RUBAVANO CAMION E ATTREZZATURE EDILI, ARRESTATI

Gli uomini della squadra mobile di Ragusa dopo accurate indagini hanno individuato e arrestato una banda di ladri seriali catanesi specializzati nel furto di macchine per il movimento terra e di materiale vario, per un ‘bottino’ complessivo stimato dagli investigatori in oltre 1 milione di euro. Le indagini sono state coordinate dal procuratore di Ragusa, Marco Rota, e dal sostituto Giulia Bisello.

Gli agenti hanno arrestato 13 degli indagati destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Ragusa. Altre quattro persone sono attualmente irreperibili. I furti, commessi, circa una ventina, sono stati perpetrati nelle province di Ragusa, Messina, Enna, Siracusa, Caltanissetta e Catania.

La banda aveva come obiettivo la sottrazione: di camion, escavatori, gru, bobcat, ruspe, attrezzature di varia tipologia per lavori edili, pezzi di ricambio, vino, prodotti caseari, salumi e indumenti. Che venivano poi venduti a ricettatori. Una di loro, catanese, Giuseppa Indelicato, è stata arrestata per ricettazione e si trova agli arresti domiciliari.

Alcune aziende sono state ridotte sul lastrico proprio per i danni notevoli causati dai furti. Alcune di loro hanno anche chiuso le attività. Proprio un furto, da 500mila euro, commesso nel 2016, ha costretto un’impresa edile di Comiso a chiudere tutto. Dopo la denuncia sono scattate le indagini della squadra mobile di Ragusa che hanno portato all’identificazione del gruppo, dopo pedinamenti e intercettazioni. I componenti della banda erano particolarmente attenti e usavano telefonini con utenze comprate per le azioni programmate, disfacendosene dopo i colpi. Il gruppo parlava dei furti in maniera criptica come ad esempio i piani era la ‘pesca a strascico’, la squadra che agiva era la ‘barca’ e il bottino veniva identificato con il ‘pesce’.

Le riunioni avvenivano in piazza Caduti del mare a Catania, dove si riunivano ed era difficile seguirli sfruttando la zona ad alta densità criminale. Facevano un sopralluogo in pochi, e poi agivano in gruppo: circa 10 persone. Durante le indagini la polizia ha scoperto che nel corso di un furto in un ingrosso di abbigliamento nel Catanese il gruppo aveva trovato 100mila euro in contanti. E successivamente in casa di uno degli arrestati sono stati trovati 15mila euro, ritenuti parte della refurtiva. Inoltre, la polizia di Stato, nel corso delle indagini, ha anche recuperato un’autobotte carica di vino, dal valore di 40mila euro, materiale proveniente da un furto a una società di distribuzione acqua nella provincia di Caltanissetta, un escavatore rubato a Catania e un autocarro asportato ad Avola.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook