Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BLITZ ANTIDROGA TRA PALERMO, ROMA E UDINE, 12 ARRESTI

BLITZ ANTIDROGA TRA PALERMO, ROMA E UDINE, 12 ARRESTI

I carabinieri impegnati in una vasta operazione antidroga, dodici arresti tra Palermo, Roma e Udine.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BLITZ ANTIDROGA TRA PALERMO, ROMA E UDINE 12 ARRESTI –

I carabinieri del comando provinciale di Palermo hanno individuato e sgominato un’organizzazione dedita al traffico e spaccio si sostanze stupefacenti tra le città di Palermo, Roma e Udine. La droga per la movida palermitana e trapanese arrivava anche dall’Argentina. In manette un gruppo di uomini che trafficavano e spacciavano stupefacenti di vario tipo (cocaina,  MDMA o MD, Ecstasy, marijuana e hashish) nel palermitano. I militari stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di capi e gregari di mandamento mafioso per traffico internazionale di sostanza stupefacente con l’Argentina. La cocaina introdotta in Italia, serviva principalmente a rifornire i locali notturni delle province di Palermo e Trapani. La ‘roba’ era trasferita in valigie dall’Argentina a Palermo. I provvedimenti sono nei confronti di trafficanti, fra i quali alcuni appartenenti al mandamento mafioso di Bagheria, che avevano realizzato un traffico internazionale di sostanza stupefacente del tipo cocaina con l’Argentina.

Il Giudice per le indagini preliminari di Termini Imerese ha emesso 12 ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite nei confronti dei destinatari dai carabinieri nelle città di Palermo, Roma, Bagheria e Tolmezzo (UD). Nel corso dell’operazione è stato individuato un gruppo di spacciatori prevalentemente operante nei locali notturni delle province di Palermo e Trapani.
Secondo quanto ricostruito dagli investigatori dei carabinieri, Nicolò Testa era al vertice della famiglia mafiosa di Bagheria e operava assieme al suo stretto collaboratore Carmelo D’Amico intrattenendo rapporti d’affari con Salvatore Drago Ferrante, procacciatore all’ingrosso di cocaina.

I tre personaggi in poco tempo hanno cominciato a creare una squadra capace di importare droga dall’Argentina che arrivava a Palermo per poi essere anche destinata nei locali della movida cittadina. I carabinieri attraverso le loro attività di indagine, condotte anche all’estero, hanno consentito il sequestro di 5 chilogrammi di cocaina. Inoltre attraverso intercettazioni di varia natura è stato possibile individuare un gruppo di giovani palermitani, con a capo Pasquale Testa, figlio di Nicola, e Salvatore Rotolo che avevano il compito di acquisire cocaina da piazzare sul mercato attraverso una serie di pusher che agivano all’interno di locali notturni. Grazie a minuziose indagini è estata ricostruita la pista che ha permesso l’acquisto in Argentina ai fini dell’importazione in Italia di 4,6 kg di cocaina: carico sequestrato nell’Aeroporto di Buenos Aires.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook