Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CHIEDEVA DENARO IN CAMBIO PROMETTEVA LAVORO, CONDANNATO

CHIEDEVA DENARO IN CAMBIO PROMETTEVA LAVORO, CONDANNATO

Posti di lavoro in cambio di denaro condannato ex dipendente delle Poste per aver raggirato e truffato una ventina di persone cadute nella sua rete che pretendeva tra i 3 e 5 mila euro subito e la restante parte al momento dell'assunzione.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CHIEDEVA DENARO IN CAMBIO PROMETTEVA LAVORO, CONDANNATO –

Palermo. Il gup Nicola Aiello, accogliendo la richiesta del pm Francesco Gualtieri, ha condannato a sei anni e otto mesi un ex dipendente di Poste italiane, Antonio Fantaci, accusato di truffa, violenza privata ed estorsione. Le indagini sono iniziate nel novembre del 2015, una querela presentata da varie persone. Secondo la denuncia, l’uomo, all’epoca in servizio alla sede di Palermo di Poste Italiane con mansioni di autista e addetto allo smistamento della corrispondenza, avrebbe fatto finta di ricoprire un importante incarico all’interno della società e quindi di poter far ottenere impieghi a tempo indeterminato dietro il pagamento di migliaia di euro. Per elargire ipotetici lavori, il truffatore chiedeva una parte della somma, tra i 3 e i 5 mila euro che doveva essere corrisposta immediatamente, la parte restante al momento dell’assunzione. Secondo quanto accertato dalle Fiamme Gialle sarebbero cadute nella rete dell’ex dipendente, almeno una ventina di persone.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook