Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

UCCIDE IL PADRE E POI TENTA IL SUICIDIO

UCCIDE IL PADRE E POI TENTA IL SUICIDIO

Il fatto è successo a Barrafranca in provincia di Catania, quando, Giuseppe Spadaro 34 anni ha fatto fuoco con un fucile contro il padre 68enne nella loro abitazione. Poi rivolta l'arma contro se stesso. ha sparato. Adesso si trova ricoverato in fin vita al Sant’elia di Caltanissetta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

UCCIDE IL PADRE E POI TENTA IL SUICIDIO –

Padre e figlio erano appena tornati dalla loro azienda agricola, che si trova appena fuori paese. Appena giunti nella loro abitazione a un certo punto per cause ancora da accertare, Giuseppe Spadaro, 34 anni, ha sparato al padre Salvatore di 68, poi ha rivolto l’arma contro sé stesso e ha fatto fuoco. L’arma del delitto farebbe parte di uno dei cinque fucili da caccia e due pistole che la famiglia Spadaro deteneva legalmente. L’inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore, Augusto Rio, indagano i carabinieri della compagnia di Piazza Armerina, che insieme ai Ris, stanno compiendo i rilievi.
La moglie della vittima, sotto shock ha raccontato frammenti della dinamica della tragedia agli inquirenti. Il marito, dopo una breve conversazione al piano terra con la moglie, è  salito per le scale fino a raggiungere il secondo piano per vedere cosa stesse facendo il figlio. E’ a quel punto che la donna avrebbe sentito i colpi di arma da fuoco.
La scena che si è presentata agli occhi della donna è stata terribile: il marito in una pozza di sangue e il figlio con la mandibola spappolata per il colpo di fucile sparato. Forse in stato confusionale o rendendosi conto di essere sopravvissuto al primo colpo, Giuseppe Spadaro si è sparato anche all’addome.
L’omicidio è avvenuto poco dopo mezzogiorno in una casa monofamiliare di proprietà degli Spadaro in pieno centro storico. La famiglia, molto conosciuta in paese, viene descritta come perbene e tranquilla tanto che in molti, in un primo momento, hanno sostenuto che si fosse trattato di un incidente. Pare, però, che aldilà delle apparenze negli ultimi tempi tra padre e figlio, i rapporti si fossero molto tesi.
L’omicida ora si trova ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, lavorava tutto il giorno con il padre nelle terre di famiglia. Giuseppe ha anche un fratello e una sorella che è sposata. I due fratelli, single entrambi, vivevano ancora nell’abitazione dei genitori.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook