Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AVREBBE UCCISO IL PATRIGNO A FUCILATE CON UN AMICO, FERMATI

AVREBBE UCCISO IL PATRIGNO A FUCILATE CON UN AMICO, FERMATI

Lo avrebbero ucciso con un colpo di fucile, e poi legato il cadavere, lo hanno occultato all’interno di un tombino. I presunti omicidi sarebbero due sedicenni che sono stati indagati per l’uccisione del 71enne Domenico Citelli, ex dirigente della Regione freddato con un colpo alla testa. Si pensa che all’origine del delitto vi siano stati contrasti familiari.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

AVREBBE UCCISO IL PATRIGNO A FUCILATE CON UN AMICO, FERMATI

Lo avrebbero ucciso con un colpo di fucile alla testa e poi occultato il cadavere di un pensionato incensurato di 71 anni, Domenico Citelli. La vittima è stata trovata la notte scorsa vicino alla sua casa a Pedara, in provincia di Catania. I carabinieri hanno subito pensato di rivolgere le indagini nella sfera familiare dell’uomo. A essere sospettati dell’omicidio sono due sedicenni, il figliastro di Citelli e un suo amico. Il reato contestato è omicidio aggravato premeditato in concorso e occultamento di cadavere. Pare che il delitto sarebbe dovuto ai forti contrasti tra Citelli e il giovane, che viveva con lui e che è il figlio della moglie dell’uomo, da molto tempo andata via di casa. Il corpo era avvolto in un sacco legato con delle corde all’interno di un tombino. Gli investigatori escludono che il delitto sia maturato in ambienti della criminalità organizzata. I militari avrebbero sequestrato un fucile calibro 12 trovato nella villa. I militari dell’arma stanno svolgendo accertamenti per verificare se si tratta dell’arma del delitto. L’anziano era un ex dirigente della Regione siciliana in pensione, originario di Catania. Il delitto è avvenuto in una zona al confine tra i Comuni di Pedara e Nicolosi.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook