Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RUBA DENARO E PICCHIA LA MADRE INVALIDA, ARRESTATO

RUBA DENARO E PICCHIA LA MADRE INVALIDA, ARRESTATO

La vicenda è successa a Calatabiano provincia di Catania, un uomo di 29 anni è stato fermato dai carabinieri per aver aggredito la madre 64enne. Dopo l’aggressione le ha Rubato una collana, un bracciale e 50 euro. Appena giunta una segnalazione anonima ai carabinieri, gli stessi sono intervenuti bloccando l’aggressore.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RUBA DENARO E PICCHIA LA MADRE INVALIDA, ARRESTATO –

I Carabinieri di Calatabiano, la notte scorsa, hanno arrestato un giovane di 29 anni perché avrebbe aggredito la madre 64enne, invalida, sottraendole con violenza una collana ed un bracciale d’oro e 50 euro. I militari dell’arma sono intervenuti in seguito a una telefonata anonima che ha segnalato una lite in famiglia. Durante l’intervento hanno accertato che il 29enne da diversi giorni maltrattava la madre. Durante la lite, l’aggressore avrebbe inoltre danneggiato alcuni mobili e minacciato di incendiare la casa. L’uomo deve rispondere di rapina, tentativo di estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. La donna è stata soccorsa e medicata dal personale del 118 riportando un trauma al polso sinistro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook