Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA ED ESTORSIONI A PALERMO, DUE ARRESTI

MAFIA ED ESTORSIONI A PALERMO, DUE ARRESTI

I carabinieri del comando provinciale di Palermo su indicazione del gip del Tribunale del capoluogo siciliano hanno arrestato due uomini affiliati alla famiglia mafiosa di Palermo Centro e Bagheria.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA ED ESTORSIONI A PALERMO, DUE ARRESTI –

Eseguita dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. I militari dell’Arma hanno arrestato i palermitani, Salvatore Mulè, 47 anni e Carmelo D’Amico 48 anni. Gli indagati sono accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione. Le indagini dei carabinieri hanno accertato che Mulè avrebbe diretto e organizzato la famiglia mafiosa di Palermo centro, appartenente al mandamento di porta nuova e di D’Amico. L’uomo è reo di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Bagheria eseguendo estorsioni e danneggiamenti alle imprese e agli esercizi commerciali. Sempre Mulè è ritenuto il capo di Ballarò ed era stato condannato a 8 anni di reclusione per associazione mafiosa ma era ritornato in libertà perché il Tribunale del Riesame aveva ritenuto non gravi gli indizi di colpevolezza. Il pentito Giuseppe Tantillo aveva raccontato che proprio Mulè avrebbe rifornito la droga al Borgo Vecchio e inoltre aveva partecipato ad un’estorsione.
Carmelo D’Amico ritenuto uomo della famiglia mafiosa di Bagheria è accusato di estorsione e porto abusivo di armi. Nel processo ‘Panta Rei’ che si è concluso la scorsa settimana con 35 condanne e 268 anni di carcere, D’Amico era stato condannato a 10 anni di reclusione. Dopo le formalità di rito i due indagati sono stati tradotti nel carcere ‘Pagliarelli’ di Palermo.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook