Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ALUNNI PICCHIATI, SOSPESA MAESTRA

ALUNNI PICCHIATI, SOSPESA MAESTRA

Il fatto è successo in provincia di Catania, un'insegnante di 61 anni picchiava gli alunni e videoregistrata in classe dopo le denunce dei genitori. La maestra è stata interdetta per un anno dall’insegnamento.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ALUNNI PICCHIATI, SOSPESA MAESTRA –

Il Gip di Catania ha interdetto per un anno dal servizio una maestra di 61 anni della provincia di Catania. Il provvedimento è stato emesso su richiesta della Procura etnea ed eseguito dai carabinieri. Inoltre, la Procura di Catania ha sollecitato, ottenendola dal Gip, l’interdizione per la maestra per “la violazione di doveri pubblicistici ed educativi e per la mancanza di segni di ravvedimento critico”.
L’insegnante avrebbe offeso i propri alunni, minacciandoli di prenderli a schiaffi, passando poi agli atti concreti, e ancora li intimidiva dicendo loro di dargli pugni in testa per “farli ragionare” e gli tirava le orecchie.
Gli investigatori dei militari dell’Arma hanno avviato le indagini dopo le denunce di genitori dei ragazzi.  I carabinieri si sono avvalsi di intercettazioni e di videoriprese delle lezioni che si svolgevano nella classe dall’insegnante. In un’occasione, una delle alunne, piangendo, ha confermato di aver ricevuto alcuni schiaffi dalla maestra, aggiungendo che spesso veniva picchiato un suo compagno dì classe.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook