Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COSTRETTA A INDOSSARE IL VELO E MALMENATA

COSTRETTA A INDOSSARE IL VELO E MALMENATA

Si presentava col nome di Yussuf e raccontava di essere originario dal Marocco. Si tratta di un catanese di 31 anni catanese convertito alla fede musulmana. La sua ex compagna lo ha denunciato.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COSTRETTA A INDOSSARE IL VELO E MALMENATA –

Il suo vero nome è Giuseppe D’Ignoti, 31 anni, è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di riduzione in schiavitù, violenza sessuale continuata, sequestro di persona, maltrattamenti e lesioni personali gravissime commessi nei confronti della donna con cui aveva convissuto da aprile al 20 settembre 2017. D’Ignoti, era già stato condannato per il reato di violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti nei confronti dell’ex moglie e aveva scontato la pena in carcere dal 2010 al 2015.
Si spacciava come originario del Marocco col nome di Yussuf D’Ignoti e si era convertito alla fede musulmana. La sua ex compagna ha riferito alla polizia che spesso era costretta a non uscire di casa e a subire aggressioni, nel corso delle quali ha anche riportato lesioni gravissime. Le imponeva con la forza a indossare il velo islamico, a pregare insieme all’uomo e a visionare vari video in cui erano riprese uccisioni commesse da uomini arabi in divisa nera e verde, di prigionieri occidentali, uccisi perché “infedeli”.
Dopo l’ennesima aggressione la donna è riuscita a fuggire mentre si trovava ricoverata presso un ospedale catanese. Ha preso un treno e ha iniziato un lungo viaggio, passando per Paternò, Napoli per poi arrivare a Torino dove, lo scorso 22 settembre, ha presentato una denuncia alla Digos.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook