VITTORIA, M5S LE RESTITUI’ LA CASA VENDUTA ALL’ASTA, MA SI CANDIDA CON FORZA ITALIA

VITTORIA, M5S LE RESTITUI’ LA CASA VENDUTA ALL’ASTA, MA SI CANDIDA CON FORZA ITALIA

Martina Guarascio, figlia del muratore che si diede fuoco per evitare il sequestro della sua casa si candiderà alle regionali. I responsabili del movimento 5 stelle: «Le abbiamo ridato serenità, peccato che abbia scelto il lato sbagliato».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VITTORIA, M5S LE RESTITUI’ LA CASA VENDUTA ALL’ASTA, MA SI CANDIDA CON FORZA ITALIA –

Martina Guarascio, la figlia 32enne del muratore di Vittoria che si diede fuoco, il 14 maggio 2013, nel tentativo di salvare la sua casa, sarà in lista per le prossime elezioni regionali con Forza Italia. Nino Minardo, deputato nazionale dei forzisti ne ha dato notizia. La candidatura è stata proposta dal Movimento dei Siciliani indignati di Gaetano Armao. La Guarascio, dopo la morte del padre Giovanni, ha avviato la sua battaglia contro le aste giudiziarie senza mai scendere in politica. Con questa sua scesa in campo si è messa in gioco in prima persona in politica. Qualche anno dopo la morte del muratore, il Movimento 5 Stelle della Sicilia scelse di acquistare la casa posta all’asta per poi ridarla alla famiglia Guarascio. Una scelta che fu molto contestata perché privilegiava solo un caso in particolare, a danno magari di tanti altri. Ma i ‘grillini’ decisero di dare «l’esempio per porre al centro del dibattito politico l’impignorabilità della prima casa». Giancarlo Cancelleri commenta
La vicenda: «Siamo contenti per lei, si vede che le abbiamo restituito tanta di quella serenità, da potere pensare pure di dedicarsi alla politica attiva. Ci dispiace solo che abbia scelto il lato sbagliato». E ancora Cancelleri spiega: «Quella casa noi la ricomprammo e la restituimmo alla famiglia sottraendola alla disperazione, ma, soprattutto, per accendere i riflettori sul problema delle aste giudiziarie, che rappresentano un vero incubo per tantissimi. Per mettere argine al fenomeno facemmo approvare all’Ars un disegno di legge voto per l’impignorabilità della prima casa, tutt’ora fermo a Roma. La casa fu comprata con i soldi provenienti dalle restituzioni di parte degli stipendi dei 14 deputati all’Ars e, contrariamente a quello che di tanto intanto afferma qualcuno – afferma Cancelleri – fu interamente pagata. In tal senso abbiamo chiarito tutto in maniera evidentissima in un post del 23 gennaio del 2016, pubblicato nella mia pagina facebook, dove abbiamo allegato financo gli atti notarili a supporto dell’operazione». Continua il leader del movimento 5 stelle in Sicilia: «Casa Guarascio non è che uno dei tanti progetti finanziati con la restituzione di parte degli stipendi dei 14 deputati all’Ars. Oltre a questo sono stati finanziati un fondo per il microcredito che ha erogato prestiti a tassi agevolati a un centinaio di imprese siciliane, la famosa ‘trazzera’ che ‘ricucì’ la Sicilia subito dopo il crollo di un viadotto sulla Palermo-Catania, 60 borse di studio per atleti disabili, e tre progetti di riqualificazione del territorio grazie all’operazione “Boom polmoni urbani». In conclusione Cancelleri sottolinea: «E tutto questo solo con i tagli alle paghe del nostro gruppo, cosa che ha portato alla restituzione di 3 milioni di euro. Pensate a cosa si sarebbe potuto fare se tutti i deputati dell’Ars avessero fatto come noi. Più volte li abbiamo invitati a farlo, ma, ovviamente, nessuno ha raccolto il nostro appello. Si vede che gli stipendi li taglieremo noi a breve, se le urne dovessero darci ragione».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook