Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

USAVANO FARMACI DELL’OSPEDALE PER TERAPIE A PAGAMENTO

USAVANO FARMACI DELL’OSPEDALE PER TERAPIE A PAGAMENTO

Due infermiere del "Guzzardi" di Vittoria sono state arrestate, si sarebbero appropriate indebitamente di medicinali e presidi sanitari fornendoli con servizi a pagamento ai pazienti dimessi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

USAVANO FARMACI DELL’OSPEDALE PER TERAPIE A PAGAMENTO –

La polizia di Vittoria ha arrestato due infermiere dell’ospedale «Guzzardi» Con l’accusa di peculato. Le manette sono scattate per Ornella Vietti, 52 anni, e Franca Tolentino, 51 anni le quali si sarebbero appropriate di medicinali e presidi sanitari per somministrare terapie a domicilio a pagamento. La Vietti e la Tolentino, in servizio entrambe presso il nosocomio di Vittoria, utilizzavano i presidi ospedalieri e i farmaci nella loro disponibilità come se fossero di loro proprietà per somministrare terapie a pagamento a ignari pazienti presso i loro domicili. Le due donne lavoravano privatamente sia per case di cura che come assistenza domiciliare ai pazienti dimessi dall’ospedale, offrendo un servizio “tutto compreso”. Infatti, il paziente non doveva comprare nulla in quanto, per lo più, erano le stesse infermiere a procurare i medicinali e altri presidi direttamente dalla farmacia ospedaliera o dai reparti. Le prestazioni domiciliari erano retribuite in nero a seconda della tipologia del servizio (3 euro un’iniezione intramuscolo, 15 per una flebo).  La Squadra Mobile ha inoltre appurato che le due infermiere svolgevano arbitrariamente ruoli che possono essere svolti, ma solo da medici. Infatti, avrebbero effettuato terapie senza alcuna disposizione di un medico.
In seguito a una telefonata anonima alla direzione sanitaria per denunciare che all’interno vi fossero delle irregolarità ha fatto partire le indagini. Il medico e il direttore sanitario, dopo aver ricevuto la telefonata, hanno informato subito gli investigatori.
nel marzo del 2017  a Vittoria, la Squadra Mobile di Ragusa durante le indagini aveva effettuato degli accertamenti attraverso un ingente sequestro di medicinali e presidi sanitari. In quell’occasione, furono trovati presso un’agenzia di onoranze funebri farmaci ospedalieri e presidi sanitari di proprietà del nosocomio che riconducevano alle due indagate, le quali, utilizzavano come deposito quel luogo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook