MUORE A CATANIA PER IL MORBILLO

MUORE A CATANIA PER IL MORBILLO

Catanese 42enne muore nell’ospedale Ferrarotto per il morbillo. I vertici dell'Asp etnea: «Quest'anno già 165 casi, non è più una malattia per bambini. E l'unica cura è la prevenzione». Il ministro alla Salute Lorenzin: «Incredibile commentare ancora queste notizie».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MUORE A CATANIA PER IL MORBILLO –

Quarto decesso a causa del morbillo dall’inizio dell’anno. Perde la vita un catanese di 42 anni non vaccinato. L’inizio dei sintomi con febbre è avvenuto l’otto settembre e il 10 settembre è comparsa l’eruzione cutanea. Gli esami specifici confermano la diagnosi di morbillo (PCR positiva). Il paziente era un soggetto con ridotte difese immunitarie. Il caso si è verificato nella settimana tra il 18 e il24 settembre ed è stato notificato il 20 settembre dalla Asl etnea.
Il dottor Mario Cuccia, responsabile del servizio epidemiologia dell’Azienda sanitaria provinciale di Catania ha affermato: «C’è in atto un’epidemia di morbillo che ha picchi più alti del solito, è più prolungata nel tempo e tende a colpire non soltanto l’infanzia, ma anche gli adulti». Il medico spiega: «Dall’inizio dell’anno a Catania abbiamo avuto 165 casi, numeri inconsueti e molto alti che sono legati alle mancate vaccinazioni. Ci sono anche casi di persone vaccinate, ma sono pochi e il quadro clinico è molto più lieve. Si è alzata anche l’età media: si attesta intorno ai 23 anni, con casi limiti che sono un bambino di pochi mesi e un 59enne. Non è più una malattia dell’infanzia». Secondo l’epidemiologo dell’Asp di Catania: «l’unica strada è la prevenzione, e quindi i vaccini».
Il ministro per la Salute, Beatrice Lorenzin ha detto: «E’ incredibile commentare ancora queste notizie di morti di morbillo in seguito alla scelta di non vaccinarsi. Siamo al quarto decesso dell’anno, nel giorno in cui è arrivata la sentenza positiva del Consiglio di Stato. E’ evidente che le due notizie sono strettamente correlate».
Il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale, Giuseppe Giammanco è intervenuto nel merito della vicenda: «è un classico caso di malattia prevedibile, che colpisce un soggetto ‘fragile’, proprio il cluster che più di altri beneficerebbe della vaccinazione, semplicemente seguendo protocolli da tempo validati basati forti evidenze scientifiche».
Tutte le Regioni hanno segnalato casi, ma il 90% proviene da sette: Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia. L’età media dei casi è di 27 anni. La maggior parte (74%) è stata segnalata in persone di età maggiore o uguale a 15 anni. L’incidenza maggiore si è verificata nei bambini sotto l’anno di età. Sono 300 i casi segnalati tra gli operatori sanitari.
Inoltre dall’inizio del 2017 si sono registrati in Italia 4.575 casi di morbillo. Si rilevano per l’88% tra non vaccinati, per il 6% tra vaccinati con una sola dose. Il 35% dei casi ha presentato almeno una complicanza. Il totale dei ricoverati è pari al 44% ed il 22% delle persone colpite è stata visitata in pronto soccorso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook