Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RIFIUTI BAGHERIA, SINDACO CINQUE DAI MAGISTRATI

RIFIUTI BAGHERIA, SINDACO CINQUE DAI MAGISTRATI

Continua l’inchiesta rifiuti a Bagheria, il sindaco Patrizio Cinque risponde ai magistrati di Termini Imerese.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RIFIUTI BAGHERIA, SINDACO CINQUE DAI MAGISTRATI –

Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque si è recato stamane al tribunale di Termini Imerese. Il primo cittadino era stato raggiunto nei giorni scorsi da un ordine restrittivo della libertà che gli impone l’obbligo di firma nell’ambito di una inchiesta sugli appalti per la raccolta dei rifiuti a Bagheria e sull’abusivismo edilizio nel territorio di cui è primo cittadino.
Cinque è indagato insieme a funzionari comunali e a varie altre persone è la notizia ha fatto scalpore anche per la sua presunta frase sulle ‘indagini a orologeria’, frase che lui stesso ha smentito di aver mai pronunciato nella medesima giornata della sua diffusione. Inevitabile la dura polemica politica che ne è seguita. Successivamente, Cinque si è autosospeso dal movimento ma non dalla carica di sindaco. Prima di entrare a palazzo di Giustizia ha detto ai giornalisti: «Sono sereno, risponderò a tutte le domande dei magistrati e sono certo di chiarire la mia posizione e i motivi delle scelte adottate». Gli interrogatori sono già iniziati e presumibilmente si protrarranno per tutta la giornata e potrebbero continuare anche nei prossimi giorni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook